MARKETING

Effetto Expo a Milano, la spesa dei consumatori esteri cresciuta del 29% circa


06.08.2015

Nei primi due mesi di Expo 2015 le transazioni transfrontaliere registrate da Visa Europe a Milano riportano uno speso totale pari a 189,7 milioni di euro con una crescita in termini percentuali del 28,6% anno su anno. Nel periodo in esame, in tutta Italia i volumi di spesa si attestano su 1,4 miliardi cui Milano contribuisce con una quota a doppia cifra del 13,5%. Questi i dati principali raccolti da Visa Europe in Italia dal 1° maggio al 30 giugno 2015, che vanno a comporre la prima analisi di Visa Europe sulla spesa effettuata dai visitatori stranieri durante Expo 2015, volta a monitorare i volumi di spesa dei titolari di carte Visa per tutta la durata dell’Esposizione Universale, fornendo così sia agli operatori sia agli esercenti e alla comunità un’accurata fotografia dei consumi effettivi registrati.

I dati di Visa indicano che durante maggio e giugno 2015, i visitatori provenienti da USA e Cina occupano le prime due posizioni nella lista dei cinque paesi ‘top spender’ nel capoluogo lombardo, con 18,9 milioni di euro e 18,5 milioni di euro di spesa rispettivamente. Mentre i cittadini USA riportano 47,6% rispetto al 2014, i visitatori cinesi fanno lievitare a 166% la crescita rispetto alla spesa maggio-giugno nel 2014. I visitatori britannici mostrano un online casino incremento percentuale di ben 82,8% rispetto allo speso nel maggio-giugno 2014 riportando volumi per 17.5m di euro. Seguono, nella lista dei paesi di provenienza dei top five spender a Milano, i visitatori francesi che hanno speso 16,7 milioni di euro, segnando un notevole incremento in punti percentuali ( 60%) e la Russia che, pur con 14,9 milioni di euro di spesa a maggio e giugno 2015 a Milano, è l’unico paese tra i top 5 spender che segna una variazione percentuale negativa, -26,1%, rispetto al 2014. Anche la Svizzera, che segue subito dopo, pur con uno speso su carte Visa nel periodo di 13 milioni di euro, registra -8,5% rispetto al maggio-giugno 2014.

Analizzando la spesa nelle categorie di acquisto, il settore moda/abbigliamento ha registrato i volumi di spesa più elevati (32,8 milioni di euro) con un 16% anno su anno, seguito dal settore alberghiero/ricettivo, con uno speso pari a 29,4 milioni di euro e una crescita di 39,5 punti percentuali sul 2014, e da quello della ristorazione che nel bimestre riporta volumi di speso pari a 10,8 milioni di euro, in crescita del 42,3%. Le altre categorie merceologiche che hanno registrato i migliori risultati in termini di speso dei visitatori provenienti dall’estero sono i negozi al dettaglio e quelli delle vie centrali di Milano con 14,8 milioni di euro e i grandi magazzini con 5,5 milioni di euro, rispettivamente 32,4% e 17,1% in comparazione con maggio-giugno 2014.