DIGITAL

Mobext stringe una partnership con Shazam


25.06.2015

Mobext, mobile pure player del Gruppo Havas, ha annunciato ieri la partnership con Shazam, una delle applicazioni mobile più popolari al mondo. L”accordo fornirà ai clienti del Gruppo in tutto il mondo un accesso diretto alle soluzioni tecnologiche di marketing migliori del settore. A seguito di tale accordo, Mobext avrà un accesso prioritario alla roadmap di prodotto di Shazam, condividendo e scambiando dati per il retargeting e la profilazione a livello globale.

Shazam fornirà a Mobext cluster specifici creati per approfondire la comprensione del comportamento dei consumatori del mondo mobile, così come l”accesso ai modelli di previsione proprietari sulle tendenze musicali. Inoltre, l”accordo comprende il training sul prodotto e la condivisione delle best practice in tutti gli uffici del mondo ove Mobext è presente. La partnership sarà guidata da Mobile Network Group, partner di Shazam da oltre 5 anni in Europa. Fra i clienti che già hanno potuto raccogliere i frutti di questa collaborazione realtà come Axa, Carrefour e Peugeot.

Ha commentato Marco Rigon, Global Head di Mobext: “Mobext è stata tra le prime agenzie a capire veramente il potere del mobile per rafforzare le campagne e costruire le relazioni attraverso beste online casino il secondo schermo. Siamo stati in grado più volte di offrire ai nostri clienti operazioni di marketing che hanno creato risultati di business concreti. Grazie a questo accordo con Shazam, continuiamo a cavalcare l’onda delle nuove tecnologie, sviluppando soluzioni data driven che permettono di amplificare il business dei clienti”.

Ha aggiunto Rich Riley, ceo di Shazam: “Shazam si è posizionata tra le prime 5 applicazioni più scaricate e utilizzate a livello mondiale. Attraverso il nostro accordo con Mobext e il Gruppo Havas, rafforziamo la nostra relazione con uno dei principali player mondiale del settore che è in grado di guidare il processo data driven e di capire il forte legame tra gli amanti della musica e i brand globali”.