DIGITAL

Digital News, in Italia la tv batte il web. il 55% degli italiani usa Facebook per informarsi


18.06.2015

In Italia la televisione rimane lo strumento per informarsi e vince ancora sul web. Ma cresce il popolo di Facebook e quello degli smatphone. Secondo la Digital News Report 2015 del Reuters Institute, il bilancio sullo stato di evoluzione dei media offerto dall’istituto di ricerca britannico, nel nostro Paese il 49% degli italiani non rinuncia a documnetarsi dalla tv, il 34% preferisce recuperare le news dalla rete, il 10% direttamente sui social media e l’8% sulle edizioni cartacee dei quotidiani. Ma l”informazione è sempre più veicolata dal web. Con il mobile in forte espansione in Italia, le abitudini degli italiani sono in rapida evoluzione. Infatti secondo il report il 55% degli intervistati italiani usa Facebook per leggere news, il 25% YouTube, il 18% di Whatsapp, l”11% di Google plus e il 10% di Twitter. E solo il 12% dichiara di aver pagato almeno una volta per informarsi.

“Molti siti di best online casino informazione – si legge nel report – perdono di credibilità, mentre sempre più persone utilizzano i social media e le applicazioni mobile per la condivisione di notizie. I lettori di giornali continuano a diminuire e gli abbonamenti digitali non bilanciano la perdita del cartaceo. Negli ultimi 10 anni i giornali hanno perso circa il 30% della loro forza lavoro giornalistico. Nonostante questi problemi i media online continuano a fare affidamento su notizie gratuite sovvenzionate dalla pubblicità.I formati pubblicitari nativi sono stati introdotti sulla maggior parte dei siti, ma spesso senza chiare politiche per distinguerli da contenuti editoriali”. L”indagine condotta dalla Digital News Report 2015 del Reuters Institute evidenzia come il nostro Paese non è il solo ad incollarsi ancora alla tv. In Finlandia la tv batte il web 46%-30%, in Australia 44%-35%, in Danimarca 42%-37% e Irlanda 41-37%. Solo negli Stati Uniti il 43% degli americani preferisce la rete mentre il 40% rimane fedele al piccolo schermo