DIGITAL

Da TotalErg si fa il pieno con lo smartphone


12.06.2015

di Andrea Crocioni


Fare il pieno di carburante alla propria auto con lo smartphone? Ora si può, grazie all’accordo strategico fra TotalErg e il servizio di mobile payment Satispay. Le due società hanno presentato ieri a Milano, presso l’area di servizio di viale Marche, la partnership che per la prima volta in Italia rivoluzionerà le modalità di pagamento del rifornimento. Il servizio, in fase di test, coinvolge 25 stazioni TotalErg nel capoluogo lombardo (altre due sono attive su Roma e quattro nella provincia di Como), ma l’intenzione è quello di estenderlo a tutta la Rete, una volta superato il rodaggio. Come incentivo, a tutti i clienti che proveranno il servizio sarà offerto uno sconto iniziale di 10 euro per l’acquisto di carburante fino alla fine di agosto.

“Siamo i primi in Italia ad adottare una soluzione ‘full mobile payment’ per il settore petrolifero”, ha voluto ribadire Fabio Bonavita, responsabile Marketing Strategico di TotalErg che nell’occasione ha ricordato l’esplosione del fenomeno dei pagamenti digitali innovativi che nel nostro Paese sono cresciuti nel 2014 del 20%, con i pagamenti da mobile che hanno avuto addirittura un incremento del 60% (raggiungendo un valore di 2 miliardi di euro).

“Con questa iniziativa – ha continuato – vorremo dare il nostro contributo per trasformare Milano in una città all’avanguardia, soprattutto adesso che grazie a Expo siamo sotto gli occhi del mondo”. Questa iniziativa conferma la scelta del brand petrolifero di trasformare le proprie stazioni di servizio con scelte all’insegna dell’innovazione: dello scorso autunno la presentazione del servizio per ritirare a qualunque ora del giorno e della notte i prodotti acquistati online grazie alla creazione di innovative cassette di sicurezza presso i propri distributori. Il servizio di pagamento fornito da Satispay sarà completamente gratuito per i consumatori, mentre gli esercenti avranno una commissione di 20 centesimi di euro, ma solo per transazioni superiori ai 10 euro.

Poche spese, dunque, e il vantaggio di ridurre la circolazione del contante (tema caldo per operatori spesso sottoposti al rischio di rapine). Su questo progetto al momento non è prevista una campagna di comunicazione. “Preferiamo che sia la nostra stessa Rete a parlare, anche attraverso un adeguato sistema di cartellonistica”, ha chiarito Bonavita. Facendo un punto più in generale sulla comunicazione del Gruppo, il responsabile Marketing ha confermato la predilezione per le attività btl, anche se nei mesi scorsi TotalErg è andata in radio con una campagna dedicata alla promozione In Duo (con creatività di Scholz&Friends).


Satispay, obiettivo 20 milioni di utenti attivi in Europa in cinque anni 

Il servizio di mobile payment Satispay consente ai propri utenti non solo di effettuare pagamenti presso gli esercenti convenzionati, ma di scambiarsi denaro attraverso un circuito alternativo alle carte di credito: libero, efficiente, gratuito e sicuro. Disponibile per iPhone, Android e Windows Phone, chiunque abbia un conto corrente bancario (in qualunque banca italiana) può scambiare denaro con i contatti della propria rubrica telefonica e pagare nei punti vendita convenzionati con la stessa semplicità con cui si invia un messaggio o si effettua il check-in sui social network. Dietro questa startup nata nel 2013, e operativa dall’inizio di quest’anno, un team di giovani italiani che ha appena chiuso un importante aumento di capitale di 5,1 milioni di euro partecipato da investitori istituzionali e privati.

Gli obiettivi sono ambiziosi, come ha confermato il fondatore Alberto Dalmasso: “Entro la fine del 2015 vogliamo raggiungere i 50 mila utenti attivi, consolidarci in Italia, per poi svilupparci in Europa a partire dal prossimo anno. Al momento possiamo contare sulla partnership con 200 piccoli esercenti, a queste si aggiunge quella siglata con il Gruppo Pam per i ristoranti Brek e l’accordo con TotalErg che abbiamo presentato oggi. Dobbiamo raggiungere una certa massa critica e incrementare le partnership con i grandi brand, solo allora potremo pensare di fare campagne nazionali e internazionali. Al momento ci muoviamo sui social, ma ritengo che il miglior strumento di promozione per noi resti il passaparola”. La speranza per Dalmasso è quella di portare, da qui a cinque anni, Satispay a diventare il sistema di pagamento mobile leader in Europa. “Puntiamo a raggiungere i 20 milioni di utenti attivi a livello continentale, anche se bastano 500 mila utenti per rendere la società profittevole”. (A.Cr.)