MEDIA

Gruppo 24 Ore, nel 2014 i ricavi consolidati salgono a 310 milioni di euro


20.03.2015

La raccolta si attesta a 114,1 milioni di euro, facendo segnare un incremento dello 0,2%

Nell’esercizio 2014, il Gruppo 24 Ore, guidato dall’amministratore delegato Donatella Treu, ha conseguito ricavi consolidati pari a 310 milioni di euro, in aumento di 5,8 milioni di euro rispetto al 2013. Questa crescita è stata ottenuta grazie alla una politica di innovazione dei prodotti, ai servizi con focalizzazione sulle esigenze del cliente e all’integrazione dei contenuti. La raccolta pubblicitaria di System, pari a 114,1 milioni di euro, è in leggera crescita (+0,2%) rispetto all’anno precedente, a fronte di un mercato di riferimento in contrazione del 5,2%. A contribuire la raccolta su Radio 24, in crescita del 5,8%, sull’online (+2,3%) e quella sui mezzi stampa che registra un andamento migliore del mercato (-2,1% vs mercato in calo dell’8,5%).

La migliore performance della concessionaria rispetto al mercato è da attribuire alla nuova politica commerciale, basata sulla crescita del prezzo di vendita, sull’allargamento e arricchimento del portafoglio di offerta, attraverso in particolare il lancio del nuovo mensile HTSI (How To Spend It) in Italia, nonché sul coinvolgimento di un più ampio portafoglio clienti diversificato. Nel corso del 2014 System ha sviluppato numerosi progetti di comunicazione integrata multimediale (stampa-radio-internet), e iniziative speciali create ad hoc per i clienti, realizzando anche con Radio 24 una significativa presenza sul territorio con attività sponsorizzate dai clienti. I ricavi diffusionali del quotidiano sono in crescita del 2,0%. A fare da traino la spinta all’innovazione dell’offerta digitale.

Il quotidiano Il Sole 24 Ore si conferma, infatti, primo quotidiano digitale e dal mese di settembre 2014 è il secondo quotidiano nazionale per diffusioni complessive carta+digitale. In particolare, Il Sole 24 Ore ha realizzato un incremento del 5,5% dei ricavi diffusionali da vendite di copie in edicola a prezzo invariato. La strategia di migrazione da copie cartacee a copie digitali e l’affermazione sul mercato di nuovi prodotti collegati al quotidiano hanno determinato l’incremento dei ricavi per vendita di copie digitali del 45,4%. Ha inoltre avuto esito positivo la strategia di conversione degli abbonamenti cartacei domiciliati edicola e postali in abbonamenti digitali a più alta marginalità.

Positivo anche l’andamento dei ricavi da editoria elettronica rivolta ai professionisti che segna un +13,8% rispetto al 2013, in un mercato che cresce del 4,8%, grazie al contributo di PlusPlus24 Fisco, una nuova e completa banca dati in materia fiscale, lanciata negli ultimi mesi dell’anno, che integra tutti i contenuti del Quotidiano, delle riviste specializzate, dei contenuti a marchio Frizzera e delle banche dati esistenti. I ricavi dell’Area Cultura, pari a 17,3 milioni di euro, sono in aumento di 6,3 milioni rispetto al 2013 (+58,2%), principalmente per effetto di mostre di maggiore successo organizzate. I ricavi dell’Area Formazione ammontano a 28,6 milioni di euro, in crescita di 3,5 milioni di euro pari al 14,0%, per il buon andamento dei master part time di specializzazione (+23%), nonché per lo sviluppo della linea e dei ricavi Newton, attribuibile in particolare all’acquisizione di nuovi clienti in portafoglio.

I ricavi derivanti dalla vendita di collaterali, libri e periodici professionali cartacei sono in calo complessivamente di 6,7 milioni di euro (-18,5%) rispetto al precedente esercizio. Tale risultato deriva dalla strategia di migrazione al digitale di alcune testate periodiche e dalla razionalizzazione del catalogo libri e delle collane dei collaterali. I ricavi digitali del Gruppo ammontano a 94,6 milioni di euro (pari al 30,5%, erano pari al 27,7% nel 2013), in incremento di 10,3 milioni di euro (+12,2%) rispetto al 2013. Il Margine Operativo Lordo (ebitda), in miglioramento per 31,8 milioni di euro (+74,9%), è pari a -10,7 milioni di euro e si confronta con un risultato di -42,5 milioni di euro nel 2013. Il risultato operativo (ebit), in miglioramento di 39,8 milioni rispetto al 2013 (+60,7%), è negativo per 25,8 milioni di euro e si confronta con un ebit negativo di 65,6 milioni di euro nel 2013.

La posizione finanziaria netta è positiva per 2,2 milioni di euro, migliora di 50,8 milioni di euro rispetto all’inizio dell’esercizio (-48,6 milioni di euro al 31 dicembre 2013), grazie principalmente all’incasso netto di 95 milioni di euro relativo all’operazione di cessione dell’area Software. Per quanto riguarda il 2015, il Gruppo proseguirà nella linea di rafforzamento e ampliamento delle iniziative commerciali già avviate nel 2014 e continuerà a focalizzarsi su azioni volte all’incremento dei ricavi, proseguendo in particolare con lo sviluppo dei nuovi prodotti lanciati nel 2014, quali in particolare la nuova banca dati PlusPlus24 Fisco, Italy24, i quotidiani verticali e HTSI.

L’offerta sarà ulteriormente rafforzata nel 2015 con il lancio di nuove banche dati per il mercato professionale nel settore Lavoro e Diritto e nuovi prodotti digitali per il mercato dei tecnici. Il Gruppo manterrà inoltre la focalizzazione sull’ottimizzazione dei processi e sulla continua riduzione dei costi.  Per l’esercizio in corso proseguirà con lo sviluppo dei prodotti digitali e i quotidiani verticali, sostenuto dalla sempre maggiore integrazione di tutti i contenuti professionali e de Il Sole 24 Ore, per compensare il previsto calo dell’editoria tradizionale cartacea.