DIGITAL

ADTZ integra le campagne social e quelle tv con il Moment Marketing


27.02.2015

Maurizio Boneschi: “L’obiettivo è massimizzare i risultati delle campagne in termini di efficacia e di Roi”

Il legame tra social network e televisione sta diventando sempre più stretto. Nel nostro Paese, secondo una recente indagine di Nextplora, nove milioni di persone guardano la televisione e contemporaneamente navigano in rete. Di questi, il 53% dichiara di utilizzare il second screen per cercare informazioni su prodotti di cui ha appena visto la pubblicità. Sono numeri in continua crescita, che dimostrano ancora una volta come internet e tv siano media complementari.

Per questa ragione ADTZ, l’azienda specializzata nella gestione delle campagne di social media advertising, ha deciso di offrire ai propri clienti una soluzione innovativa di Moment Marketing, “che consente di sincronizzare l’advertising su Facebook e Twitter con eventi esterni come spot, programmi tv, previsioni meteo, eventi sportivi e altro – spiega il sales director Maurizio Boneschi (nella foto) – grazie a una partnership con un provider internazionale, leader in questo settore, abbiamo sviluppato delle funzionalità speciali sulla nostra suite ADAM, che ci permettono di realizzare campagne social maggiormente integrate con la televisione o profilate su determinati eventi per massimizzare i risultati sia in termini di efficacia che di Roi”.

Il Moment Marketing offre interessanti opportunità di business per gli inserzionisti pubblicitari. Le sue dinamiche sono semplici: la sincronizzazione tra tv e social network consente alla pubblicità che vediamo sullo schermo televisivo di ‘proseguire’ sui social network, Facebook e Twitter in primis.

“Tutto nasce dal fatto che l’attuale ambiente dei media offre stimoli in ogni momento – continua Maurizio Boneschi, sales director di ADTZ – e grazie ai dispositivi mobili che accompagnano la nostra giornata con molteplici notifiche provenienti dai social media, abbiamo la sensazione di essere parte di un flusso informativo continuo. Come consumatori questo ci porta a rispondere immediatamente a tali stimoli, interagendo sempre più con il nostro network sociale, che ormai include anche le aziende e la pubblicità”. La sinergia tra tv e social network si fonda su dati consolidati: già nel 2013 Twitter informava che l’impatto degli spot pubblicizzati in contemporanea in televisione e via tweet è nettamente superiore rispetto agli spot in onda solo in televisione. Secondo una ricerca Nielsen, gli utenti Usa di Twitter raggiunti dalla pubblicità in modalità multiscreen mostrano un’‘associazione del messaggio’ maggiore del 95% e, soprattutto, una ‘intenzione di acquisto’ del prodotto pubblicizzato più alta del 58%.

Alcuni importanti brand hanno già utilizzato questa soluzione per le loro campagne social ottenendo anche una crescita del 27% dei risultati di engagement. Sfruttando il sempre più diffuso fenomeno della social tv e del second screen, che consente agli individui di guardare i programmi tv utilizzando più device in contemporanea e di commentarli in tempo reale sui social, “le aziende dispongono oggi di una straordinaria opportunità – conclude Boneschi – possono dialogare in tempo reale con i consumatori e soprattutto progettare attività di comunicazione mirate agli effettivi interessi dei potenziali clienti”.