DIGITAL

Mec profila i target con Social Audience Analysis e ottimizza la comunicazione


26.02.2015

Mec offre ai clienti il nuovo servizio Social Audience Analysis, che permette di profilare il proprio target e quello dei principali competitor attraverso l’analisi delle pagine social. Ormai il 78% degli italiani, maggiori di 14 anni, dichiara di conoscere l’esistenza dei social network, anche grazie al mobile, il 49% ha un profilo personale Facebook e il 23% si collega a un social ogni giorno (fonte Eurisko, 2014).

“I vantaggi di questo nuovo approccio d’analisi sono molteplici: la possibilità di delineare concretamente il target di comunicazione attraverso i veri comportamenti sul social media permette, ad esempio, di ottimizzare la distribuzione dei messaggi e di guidare la creazione di nuovi contenuti editoriali, favorendo quindi la relazione nel tempo e riducendo i costi di acquisizione per fan (CPF) delle campagne social”, afferma Julian Prat (nella foto), Chief Strategy Officer di Mec.

Il servizio di Social Audience Analysis è stato testato da Mec indagando la passione per le Tv series. Sono stati individuati sei generi, Crime (i.e. ‘Gomorra’), Comedy (i.e. ‘The Big Ben Theory’), Teen Drama (i.e. ‘Violetta’), Horror (i.e. ‘The Walking Dead’), Action (i.e. ‘Breaking Bad’) e Fantasy (i.e. ‘Game of Thrones’), le cui fanbase di Facebook sono state la fonte dei dati che hanno alimentato l’analisi. Il genere più amato è il Crime, con 9,5 milioni di utenti Facebook; seguono la Comedy, che vanta una community virtuale di 5,9 milioni e la Teen, con 4 milioni di giovani fan.

La Comedy ha un seguito più sbilanciato sulla componente maschile (55%), giovane, tra i 17 e i 28 anni, composto da single (55%) e laureati (66%). Il genere più femminile è il Teen Drama (86% dei fan), seguono Fantasy (65%) e Crime (58%). Se l’Action è sicuramente un territorio maschile (63%), l’Horror è invece tra i generi più bilanciati (56% uomini e 44% donne). Guardando all’età dei fan, la passione per le Tv Series risulta trasversale e coinvolge utenti dai 13 ai 58 anni.

Lo studio permette di profilare le diverse audience anche a seconda dei mezzi di comunicazione fruiti, ricostruendone un dettaglio estremamente accurato: gli appassionati di Crime sono anche assidui fruitori di radio e stampa, mentre i fan di serie Fantasy non sono particolarmente affini alla stampa periodica. Gli amanti dei teen drama consultano Grazia.it; tra gli appassionati di Action è forte l’interesse verso il Post.it, tra quelli di Crime l’attenzione è rivolta a Tgcom24; il pubblico delle serie Horror consulta YouMovies.it mentre gli appassionati di Comedy seguono Fanpage.it. Un’attenta analisi dei dati raccolti consente di mappare le aree di interesse più affini a ogni bacino, e qualsiasi area di interesse può essere esplorata verticalmente fino a individuare la prossimità dei diversi cluster d’analisi a specifici brand.

“Risulta dunque, evidente la potenzialità di questo strumento: una tale profondità d’analisi su un target di comunicazione sarebbe possibile solo attraverso un numero illimitato di interviste e domande a un campione di ricerca dalle numeriche irrealistiche – conclude Prat -. Le informazioni generate naturalmente dalle community social forniscono, invece, un’alternativa molto ricca, un panel dettagliato dal perimetro aperto, che apre a molteplici sperimentazioni d’analisi”.