DIGITAL

Subito.it, nel 2014 il fatturato della concessionaria cresce del 50%


19.02.2015

di Andrea Crocioni


 

Restare al passo con la digital transformation italiana continuando a sviluppare soluzioni innovative e personalizzate. E’ questo il principale obiettivo per lo sviluppo commerciale di Subito.it, con oltre 8 milioni di utenti unici mensili fra le principali piattaforme per la compravendita dell’usato. Una realtà che negli ultimi anni è riuscita a diventare un player di riferimento anche nel mondo dell’advertising. A testimonianza di ciò i risultati della concessionaria che solo nel 2014 ha registrato una crescita del 50% del fatturato che ormai è arrivato a superare i 10 milioni di euro, anche se la società non fornisce cifre precise.

“Siamo partiti nel 2012 e per i primi due anni abbiamo lavorato per affermarci a livello nazionale – ha spiegato Claudio Campagnoli (nella foto), Sales Manager di Subito.it -. Nel 2014 siamo arrivati a lanciare le nostre soluzioni di adv locale, un’area che vogliamo fortemente sviluppare quest’anno. La sfida è mantenere i tassi di crescita degli ultimi tre anni. Siamo arrivati ad avere 300-350 clienti nazionali attivi, mentre per quanto riguarda il locale  viaggiamo a una media di uno o due nuovi clienti al giorno”.

Il team suddiviso in due macro-aree è stato costruito per sviluppare al meglio un’offerta ‘glocal’: adv nazionale, dove i key account manager gestiscono i clienti, i centri media e il programmatic, e adv locale, che opera attraverso la forza vendita territoriale, il teleselling e il self-provisioning.

“Tecnologia, dati e politica commerciale devono essere allineati”, ha affermato Campagnoli. “Per questo – ha continuato il responsabile della concessionaria di Subito.it – per noi è fondamentale investire sulla qualità del team e sulla formazione. Questo serve a garantire una visione consulenziale all’avanguardia e capace di rispondere alle esigenze dei diversi clienti”.

Fra gli investitori che hanno trainato la crescita figura sicuramente l’automotive, come ha confermato Giancarlo Mosconi, National Advertising Sales Manager di Subito.it: “E’ uno dei settori che ha meglio compreso le nostre potenzialità. Uno dei nostri punti di forza è sicuramente l’elevata qualità del servizio e del risultato, con un reale ritorno degli investimenti. Basti pensare che la nostra viewability ha raggiunto il 70%. Inoltre, grazie alla nostra factory interna, siamo in grado di realizzare campagne innovative e personalizzate”. Ma la vera scommessa per questo 2015 è sul boom della locale che ha già dato riscontri positivi privilegiando nella fase di lancio l’attività di teleselling.

“Ora stiamo sviluppando la struttura territoriale – ha spiegato Davide Castioni, Local Advertising Sales Manager -. Sempre di più la nostra piattaforma viene percepita come uno strumento per fare business”. Cosa chiedono le piccole imprese e i professionisti? “Essenzialmente: velocità nel comprare, efficacia e autonomia”, ha risposto il manager. E ha proseguito: “Parliamo di un mercato molto ampio si va dal piccolo imprenditore alla grande azienda con esigenze locali. Con le sue 37 categorie Subito.it copre tutto il mercato delle pmi con una geolocalizzazione che arriva al Comune. La nostra offerta è costruita per essere adattabile, scalabile e per dare risultati misurabili”.

Subito.it ha recentemente acquisito Dotadv, piattaforma di self-service advertising che consente all’azienda di automatizzare la vendita di spazi pubblicitari ai piccoli inserzionisti e alle piccole-medie imprese e di sviluppare la tecnologia autonomamente in base alle proprie esigenze. In media per una campagna un cliente locale può investire dai 500 ai 1000 euro, anche se lo scenario è molto variegato. “Stiamo adattando la nostra politica commerciale a questo scenario puntando su un sistema basato sulla semplicità in modo da consentire un’autonomia crescente ai clienti. Sul totale degli investitori locali un 20% utilizza Dotadv, ma nel corso del 2015 questa percentuale è destinata ad aumentare”.