DIGITAL

Le più geniali tecniche di marketing nel mondo online


18.02.2015

All’alba della diffusione della rete c’erano alcuni sparuti apocalittici che sostenevano che internet avrebbe completamente sostituito interi aspetti delle nostre vite quotidiane, rendendo superflui uffici, banche, negozi, scuole e università e persino luoghi di incontro come bar, locali e addirittura piazze. Non c’è dubbio che simili previsioni fossero largamente esagerate, ma qualcosa di veritiero c’era. Per esempio, prendiamo il mondo del marketing e della pubblicità: le aziende continuano ancora a promuoversi attraverso canali tradizionali (dai cartelloni pubblicitari, alle pagine sui quotidiani fino agli spot televisivi), ma internet si è affiancata a questi canali e sta acquisendo sempre maggiore importanza. Per alcune fasce di popolazione (specialmente giovani e giovani adulti), internet ha sostituito i giornali e persino la televisione, e per raggiungere questo pubblico le aziende devono puntare sulla promozione online. Una promozione che, a causa delle peculiarità del mezzo, assume spesso caratteristiche davvero innovative.

Come dice il nome, infatti, internet è una rete. Vale a dire qualcosa di diversissimo rispetto all’unidirezionalità dei media tradizionali, e qualcosa di molto più difficilmente controllabile. Per questo, per rendere efficaci i loro messaggi le aziende devono renderli ancora più attraenti per il pubblico, e sviluppare campagne che talvolta raggiungono picchi di genialità. Ecco qualche esempio.

I concorsi su Facebook: nel mondo complesso e poliedrico di internet, Facebook è ormai emerso come il principale mezzo per raggiungere i consumatori. È per questo che le aziende puntano moltissimo su di esso per promuoversi. Le pagine su Facebook delle aziende servono a informare i clienti e potenziali clienti, ma servono anche ad alimentare il brand e a fidelizzare i consumatori tramite concorsi e promozioni. Ad esempio, i concorsi che premiano il follower numero mille (o diecimila, centomila e così via) e che in questo modo guadagnano molti mi piace. Alcune aziende mettono in palio dei premi facendo quiz su Facebook e così via. Ecco qui un esempio interessante: Unieuro, il gigante italiano dell’elettronica, ha dato avvio a una gara in cui si può vincere un iphone 6 e un iphone 6+, semplicemente commentando sulla pagina facebook dell’azienda. Grazie a questo la pagina ora a quasi 400.000 like.

I bonus dei casinò e siti di poker
: i siti di gioco hanno trovato un modo particolare per promuoversi, ovvero i bonus. Grandi casinò e poker room regalano ai loro utenti dei premi in denaro da giocare, per attrarli e battere la concorrenza. A volte questi premi non sono collegati a nessun deposito (e si chiamano appunto bonus senza deposito), mentre altri regalano una quantità di denaro proporzionale al deposito effettuato dagli utenti. Ad esempio, il sito di poker online titanbet.it offre sottoscrivendo determinati termini e condizioni un bonus fino a 1000 euro sul suo sito. Il bonus è offerto ai nuovi giocatori e ha lo scopo di attrarli verso il sito.

I concorsi di selfie: molte aziende hanno di recente iniziato a sfruttare a scopo promozionale la moda dei selfie. Facendosi un selfie con il prodotto da promuovere i clienti possono vincere qualcosa, oppure possono semplicemente guadagnare i famosi 15 minuti di notorietà. L’azienda guadagna molti testimonial e pubblicità per il marchio, che raggiunge attraverso i selfie amici e parenti di chi si è prestato al gioco. UBS, una delle istituzioni finanziarie più grandi al mondo, ha condotto una gara di selfie per aumentare la brand awareness del suo brand nel pubblico più giovane. La campagna viene considerata un grande successo.

I blog e profili social delle celebrity: da sempre i grandi marchi cercano di accaparrarsi testimonial importanti tra i VIP, ma con internet questo fenomeno ha assunto tutta una nuova portata. Le celebrity a volte sponsorizzano i prodotti direttamente dai loro blog e profili social. Ad esempio, è quello che ha fatto Kim Kardashian con il suo profilo Instagram, o Scott Schuman (il fotografo di moda e notissimo blogger) con il suo foto blog Sartorialist.