DIGITAL

Online il nuovo sito di Gqitalia.it. Obiettivo per fine anno +23% di raccolta adv


05.06.2014

Dal mobile il 30% del traffico: 20% da smartphone e 10% da tablet

Dal 28 maggio è online il nuovo sito di GQ Gqitalia.it -, l’esperssione digitale del magazine ‘Cose da uomini’ di Condè Nast. Nuova veste grafica e nuovo concept completamente rinnovati. Dopo il ridisegno del cartaceo inaugurato ad ottobre dal direttore Carlo Antonelli il club per uomini si rinnova anche sul web. Un mosaico di fatti, personaggi e immagini che rappresentano l’universo maschile reale e le sue passioni, raccontate attraverso un flusso video e fotografico innovativo. Il sito cambia pelle e diventa il luogo delle cose che piacciono agli uomini. Una nuova piattaforma, che si aggiunge ai nuovi 6 siti targati Condé Nast negli ultimi 12 mesi, “ottimizzata per tutti i device – sottolinea Marco Formento, Senior Vice President Digital Condé Nast -. Ad oggi il 30% del traffico arriva da mobile: 20% da smartphone e 10% da tablet. Abbiamo voluto realizzare un prodotto che non c’era, portando su tutti gli schermi digitali le passioni dell’uomo. In questo modo intendiamo crescere ancora nel maschile nel contesto del digitale che ha portato il network Condé Nast ad una audience complessiva di oltre 12 milioni di utenti censuari al mese in meno di un anno. Nel caso di GQ il nostro obiettivo è di raddoppiare da subito il traffico mensile, oltre il milione di utenti unici censuari” e aggiunge Stefania Vismara, Publisher GQ “per fine anno registrare una crescita della raccolta adv del 23% rispetto al 2013”.

Per il cartaceo raccolta adv a +28,5 nei primi sei mesi
Gqitalia.it risveglia il segmento maschili

Il nuovo club online dedicato ai gentlemen’s intreccia la qualità editoriale del magazine con le innovazioni della rete. Veloce, moderno e coinvolgente, il nuovo GQitalia.it “è un nuovo sistema di conversazione – spiega Carlo Antonelli – come c’è nella vita. Un’esperienza tra le passioni e gli interessi del mondo maschile. Un luogo dove chiaccherare di sport, di benessere, di food, moda e cultura pop: giochi, serie tv, divertimento e musica”. Il nuovo sito ispira ai caratteristici bar a stelle e strisce come il celebre locale newyorkese di Jay-Z, il 40/40 Club. “Sarà – continua il direttore – come essere in uno sport-bar dall’atmosfera newyorkese, luci basse, ottimi drink e schermi ovunque sulle gare e sulle classifiche, con una propensione per i numeri, con uso progesivo dei dati. La narrazione che parte dai dati stessi”. Le classifiche, infatti, saranno poi tradotte in dati statistici e ragionati in una sezione di indicatori sintetici e di infografiche: GQNumbers.Capo saldo del nuovO GQ è lo sport che pesa il 35% all’interno del sito. È stata inoltre creata una nuova sezione dedicata agli scoop e agli scandali, GQBomba, nonché un’area dedicata alle opinioni della community: GQListing. Nel canale Etc… sono protagoniste le news dedicate ai Soldi e all’economia, mentre nel mondo Underground ci sono storie raccontate con un taglio ispirato all’immaginario visivo del ‘crimine americano’ dei primi anni Cinquanta. Infine, in Ossessioni, saranno pubblicati contenuti hot e inediti che stupiranno i lettori. Tra le novità c’è Alfredo, il maggiordomo che dalla carta prende vita sul sito e accoglie l’utente sulla piattaforma guidandolo in modo curioso e divertente. “GQ.com è pensato come un luogo per chiacchierare tra uomini delle cose che gli uomini amano davvero: commentare i risultati, discutere di tattica sportiva, scherzare, discettare sulla cultura pop di serie televisive e giochi, di nuovi gadget e tecnologia in genere, di business, di signore e signorine, di musica saporita, di abbigliamento per tutti i giorni e per il weekend, di cibo e vini e drink, e molte altre cose continua Antonelli, direttore di GQ – .È un luogo che non esisteva prima nel panorama editoriale non solo italiano e che ora c’è. Un luogo capace di creare attenzione”.GQitalia.it introduce modalità di navigazione e di interazione basate sulla serendipity per immagini, in grado di guidare l’utente e da cui si accede al contenuto con un chiaro layout di lettura. Una fruizione user friendly, immersiva e ingaggiante che può contare su formati pubblicitari innovativi e ad alto impatto visivo. “Il sito di GQ è il pezzo mancante nel segmento maschili, che ad oggi è dormiente – precisa Romano Ruosi, Senior Vice President Advertising & Branded Solutions – in attesa di trovare una nuova casa dove investire”. Nei primi sei mesi il mercato ci ha premiato. Per il cartaceo la raccolta adv ha registrato un +28,5% nei primi sei mesi. Nel segmento dei maschili non c’è nulla che abbia la capacità di creare attenzione come il nuovo sito di GQ”. La tecnologia unita ad un palinsesto dal taglio estremamente maschio danno la possibilità a GQ, che sul totale Condé Nast pesa il 10%, di occupare nuovi spazi sul segmento maschili che ad oggi sono ancora liberi e appetibili. “Il nuovo sito si propone di interagire non solo con gli utenti ma anche con gli inserzionisti attraverso un nuovo approccio fatto di contenuti , design e formati pubblicitari – continua Ruosi – . GQitalia.it è stato sviluppato all’insegna della sperimentazione ponendosi come obiettivo l’ampliamento del bacino degli inserzioni, avvicinando nuovi clienti al brand GQ grazie al digital spread: la realizzazione di campagne pubblicitarie con focus nel digitale”.