CREATIVITY

Lorenzo Marini & Associates: innovazione, branding e trasversalità per conquistare gli Usa


03.12.2013

Chiusura fine anno pari a 1,5 milioni di euro

Kris Weber e Dominique Alessandro, partner della sede di New York: “i brand americani vogliono apparire italiani, con Lorenzo Marini abbiamo la possibilità di tradurre i valori made in Italy per il nostro mercato”

Il futuro strizza l’occhio alle aziende americane che aspirano a parlare e ad apparire italiane. Ieri presso l’Armani Hotel Cafè Lorenzo Marini (nella foto con Dominique Alessandro e Kris Weber), presidente di Lorenzo Marini & Associates, da tre anni a New York con un team misto italo-americano, ha sottolineato con Kris Weber e Dominique Alessandro, partner della sede di New York che “la creatività italiana piace ma ha bisogno di essere essere tradotta in uno stile Usa. E per traghettare i brand nel mercato oltre-oceano è necessario puntare su innovazione, branding e trasversalità. Noi italiani siamo delle eccellenze nel food, nella moda e nel design”.
“I brand americani vogliono apparire italiani – spiegano a Today Pubblicità Italia Kris Weber e Dominique Alessandro partner di Lorenzo Marini presso la A/W Design -. Negli States abbiamo una percezione stereotipata dell’Italia, non abbiamo una vera e autentica esperienza del vostro Paese e con Lorenzo Marini diamo una importante opportunità ai marchi Usa di trasmettere quei valori tipici della cultura italiana, come passione e sensualità cui aspirano le aziende di food, design e di moda. Lavorare a progetti con due visioni, come quello per Nocciolata di Rigoni, ci rende competitivi in un mercato che ha bisogno di velocità, semplicità e trasversalità. I nostri clienti sono pmi che provengono soprattutto dal food che producono prodotti italiani appositamente per il mercato Usa. Con Lorenzo Marini lavoriamo a progetti a 4 mani che ci permettono di riuscire a comunicare il gusto italiano con un pragmatismo tipicamente americano. Il vostro stile sempre molto sofisticato ha bisogno di essere tradotto in un linguaggio che appartiene al territorio e ai modi americani. Per il mercato Usa – continuano Weber e Alessandro – la visibilità è prioritaria, deve essere veloce e colpire visivamente il consumatore, anche in un modo che per voi è ritenuto ‘aggressivo’”. Con in portfolio una serie di clienti come Rigoni di Asiago, Loacker, Panos, Poltrona Frau Minute Mad, Cinnabon, Coca-Cola, Lavazza, Monini, Martini, Yahoo il Gruppo di comunicazione A/W Design e il Gruppo Lorenzo Marini insieme chiudono il 2013 con un fatturato di 1,5 milioni di euro.
Fiorella Cipolletta