DIGITAL

Ctrl Book: “Siamo gli artigiani del multimediale”


21.10.2013

Gli e-book non sono tutti uguali. Ne è convinta Cecilia Zuliani (a destra nella foto con Valentina Antolini), fondatrice di Ctrl Book, startup specializzata in editoria digitale che proprio in questi giorni ha festeggiato il primo compleanno. “Noi ci consideriamo artigiani del multimediale – racconta la professionista a Today Pubblicità Italia -. In un mercato che nella maggior parte dei casi si limita ad offrire soluzioni standard noi diamo vita a prodotti che sono letteralmente ‘cuciti’ addosso alle esigenze dei clienti, offriamo un approccio personalizzato ed è anche per questo che ci vengono a cercare”.

Ctrl Book è una realtà giovane e con un’identità ancora tutta in divenire.“Siamo partiti focalizzandoci sulla produzione di libri digitali e di prodotti editoriali multimediali e oggi guardiamo con grande interesse anche al mondo della comunicazione e dell’advertising”, precisa Zuliani. In quest’ottica di ampliamento dei servizi rientra l’ingresso nel team di Valentina Antolini (ex de La Sterpaia) che in qualità di responsabile della comunicazione sta occupandosi dello sviluppo di queste nuove aree di business.

Il primo anno di attività si è chiuso in positivo per Ctrl Book che, fra i clienti in portafoglio, annovera realtà del mondo dell’editoria come Rcs e Lite Editions. Più recentemente è stato  aperto un nuovo ‘canale’ nell’ambito della moda. “Fra le aziende del fashion che ci hanno scelto, ci fa piacere citare NUN, anche per la sua vocazione ecologica”, sottolinea Valentina Antolini. E l’attenzione all’ambiente è insita nel dna della giovane società digitale, come spiega Cecilia Zuliani: “Crediamo fortemente che lo sviluppo dell’editoria digitale, limitando il consumo di carta, abbia un ruolo fondamentale anche a livello di impatto ambientale. L’Italia è ancora molto indietro su questo fronte, anche se negli ultimi cinque anni è cresciuta la sensibilità”.

Meno carta per il libri, ma anche meno carta come supporto per la comunicazione: è questo il presupposto che spinge la società a guardare a nuove aree di business. “La razionalizzazione delle risorse, figlia di questa crisi – continua Zuliani – può essere un’ottima occasione per ripensare i prodotti, un esempio può essere quello dei cataloghi. Contenendo il budget e puntando sul digitale, si possono mettere a punto progetti di grande qualità”. Lo spazio sul mercato sembra esserci. “In questo primo anno abbbiamo consolidato i clienti del nucleo ‘editoria pura’ e ora guardiamo oltre”, aggiunge Antolini. “Per il futuro – afferma Cecilia Zuliani – il nostro obiettivo è quello di strutturarci in tre divisioni: Ctrl Book per i servizi all’editoria, Ctrl Adv per la comunicazione e Room Book per i progetti in ambito culturale. Tre aree verticali, ma integrate”. E guardando proprio al mondo della cultura, Ctrl Book è stata scelta da P.G.R., fondazione che ‘prenderà alloggio’, con le sue collezioni di tavolette votive, presso la Casa del Manzoni a Milano. “In collaborazione con l’agenzia Todo ci occuperemo dell’evento di inaugurazione del prossimo 5 dicembre, seguiremo inoltre la gestione dell’ufficio stampa, del catalogo e del merchandising. Ci siamo occupati anche del problema della vendita fisica dei prodotti digitali che abbiamo risolto creando appositi codici di download”, conclude la fondatrice della struttura.

Andrea Crocioni