CREATIVITY

Crai compie 40 anni e punta sulla forza della prossimità e sull’espansione della rete


11.10.2013

Entro fine anno previsto il restyling della linea Piaceri Italiani

 

Un traguardo importante,  40 anni, e chiare strategie per il futuro: puntare tutto sulla politica di vicinato, valorizzare l’imprenditorialità degli associati ed espandere la rete dei punti vendita. Sono le linee guida di CRAI, la cui filosofia, in una formula di imprenditorialità diffusa dove i punti vendita di quartiere fanno da protagonisti, viene premiata dalle tendenze del mercato, come ha spiegato ieri l’ad Marco Bordoli.“La nostra formula distributiva si dimostra oggi più che mai vincente. E’ un successo, di questi tempi, non dover ridimensionare i punti vendita e pianificarne, anzi, l’espansione”. Il 2012 per CRAI si è chiuso con un fatturato consolidato di 2 miliardi di euro e si prevede una chiusura 2013 a +5,5%, grazie anche all’ampliamento della rete avvenuta con l’apertura di punti vendita tra gli altri a Roma, Torino, Olbia e Cosenza. Nel 2012 la marca privata ha registrato una crescita superiore al 5% e le referenze in portafoglio sono passate da 1.520 nel 2011 a 1.557 del 2012 (quota di mercato del 16,1%). “Entro fine anno prevediamo il restyling della linea Piaceri Italiani che comprende le diverse specialità regionali e sarà rinnovata nelle referenze, nel packaging e nella comunicazione “ commenta Giuseppe Parolini, Vice Direttore Generale e Marketing CRAI Secom. Per il gruppo, che conta oggi oltre 2.000 punti vendita, al canale alimentare (75%), si affianca quello Drug, in cui con un 20% di quota di mercato si colloca come secondo operatore in Italia. Per celebrare il 40esimo anniversario CRAI ha avviato numerose iniziative fra cui attività promozionali, un’operazione di collezionamento, un concorso a premi e una campagna TV con 8mila spot in onda sulle reti nazionali e locali per un investimento pari a 1,8 milioni di euro.