DIGITAL

Gruppo Rcs e Digital Magics lanciano Rcs Nest


09.10.2013

Progetto di accelerazione di nuove startup nel mondo dei new media e del marketing online

 
Milano la futura Silicon Valley all’italiana. Questo il progetto ambizioso del Gruppo Rcs che insieme insieme all’incubatore Digital Magics ha lanciato ieri con Rcs Nest: un luogo di scambio di idee e competenze, e una preziosa occasione per lo sviluppo e la crescita di iniziative nuove e dinamiche, che vogliano affermarsi nel panorama dei new media e del marketing online sia in Italia sia all’estero. “Useremo tutti gli strumenti del gruppo Rcs per dare supporto alle idee che nascono – ha sottolineato Pietro Scott Jovane, ad del Gruppo Rcs – . Le startup potranno contare sul sostegno della nostra rete dai servizi strategici, logistici, tecnologici e di marketing, ma anche un supporto di business management e anche uno spazio dedicato nella sede Rcs di via Rizzoli. Il progetto rappresenta un’occasione di scambio reciproco tra le nuove realtà emergenti e quella di Rcs, consolidata da una lunga e prestigiosa tradizione editoriale”. La scommessa digitale portata avanti da Rcs, e consolidata grazie al venture incubator di startup innovative Digital Magics, si concretizza in un progetto di accelerazione di nuove startup nel mondo dei new media e del marketing online. I giovani talenti selezionati potranno beneficiare di un finanzimento fino a un massimo di 500 mila euro ma anche di mezzi e servizi strategici, logistici, tecnologici, di marketing, nonche’ del supporto di business manager. Il progetto prevede un investimento complessivo di 5-10 milioni che rientrano nei 160 milioni di investimenti di cui il 75% circa sarà destinato al digitale. Il tutto all’interno di uno spazio dedicato nel quartiere generale di Rcs.
Il nuovo incubatore avrà come scopo la selezione, il supporto e la nascita di attività imprenditoriali, fra le 15 e le 20 entro il 2015. Più nel dettaglio, l’accordo prevede che Digital Magics e Rcs, senza impegno di esclusiva, selezionino startup innovative nel settore digitale ed elaborino con i fondatori un business plan, obbligandosi a sostenere le iniziative selezionate sia dal punto di vista finanziario sia dal punto di vista dei servizi media, logistici e tecnici. È inoltre previsto che, al raggiungimento degli obiettivi di sviluppo intermedi, si proceda congiuntamente a una ulteriore capitalizzazione delle iniziative, prevedendo che in tali casi Rcs possa acquisire una partecipazione di maggioranza accordandosi sulle relative condizioni economiche, mentre in caso di mancato raggiungimento di tali obiettivi, Rcs avrà un’opportunità di uscita dall’investimento. Infine, qualora le iniziative dovessero raggiungere gli obiettivi finali previsti nel business plan, Rcs garantirà a Digital Magics una exit alle condizioni stabilite di volta in volta. “Ogni anno ci vengono sottoposte circa 500 idee di startup. Nel 2013 potremmo arrivare a 800 -1.000 proposte – ha commentato Enrico Gasperini, fondatore e presidente di Digital Magics -. Puro ossigeno per il nostro ecosistema delle startup. Questo accordo di Corporate Venture Capital sarà inoltre di enorme supporto all’innovazione e all’incremento delle attività digitali all’interno di un Gruppo multimediale primario come Rcs, sancendo la nascita di un nuovo processo virtuoso di collaborazione fra l’incubatore e le grandi realtà che vogliono innovarsi, un passo importante per lo sviluppo digitale del Paese”. Il nome e il logo dell’iniziativa sono stati scelti attraverso un concorso internazionale affidato a Zooppa, una delle più attive community dedicate allo sviluppo di contest creativi.

Fiorella Cipolletta