DIGITAL

Layla Pavone: “Finito il tempo dell’inerzia. Consapevoli di poter fare la differenza”


02.10.2013

“Non è più tempo di lamentarsi, di delegare, di attendere che qualcun altro faccia per noi”: messo da parte per un momento il totem dell’Agenda Digitale, il messaggio lanciato da Layla Pavone (nella foto), managing director di Isobar e presidente dell’Advisory Board di InternetDays, è forte e suona come una presa di coscienza di un comparto, quello digitale, che sa di poter dare e fare di più per un sistema Paese vittima della sua stessa inerzia.

“Nella preparazione di questa due giorni – spiega la manager – abbiamo cercato di costruire un palinsesto che toccasse tutti gli aspetti della catena del valore del settore e allo stesso tempo contribuisse ad accrescere la consapevolezza di poter fare concretamente la differenza”. Ne è nato un evento che, come sottolinea la stessa Pavone, vuole volare alto, per esplorare la Rete, non solo da un punto di vista del business, ma affrontando aspetti culturali e sociologici. Tutto questo per raccontare una industry che potrebbe incidere molto di più sul nostro prodotto interno lordo. “E’ vero, il contributo delle istituzioni è importante, ma le piccole e medie imprese italiane devono sapere che possono già beneficiare di tante opportunità, senza dover necessariamente aspettare. Per questo un evento come gli InternetDays serve a innescare il dialogo. Le aziende hanno bisogno di essere maggiormente supportate. Abbiamo fatto dei passi in avanti, ma proprio per questo riteniamo non sia questo il momento di fermarsi. Nel Paese c’è fame di conoscenza e lo dimostra la quantità e la qualità delle adesioni alla manifestazione”, continua la managing director di Isobar.

“Per fortuna – conclude Layla Pavone – ci sono imprenditori con una gran voglia di fare sistema. Per quanto ci riguarda la nostra volontà è di mettere a fattor comune le nostre esperienze, errori compresi, di creare dei momenti di vera condivisione, in particolare con il tessuto delle piccole e medie imprese. L’obiettivo è continuare a fare divulgazione, aiutando i diversi protagonisti dello scenario a cogliere tutte le opportunità positive. E’ una responsabilità che ci sentiamo addosso”.

Andrea Crocioni