DIGITAL

Double Digit avanza e acquista Kettydo


25.07.2013

Dopo Gecod salgono a due le società controllate dalla holding. Le previsioni del ceo Francesco Zanotti Cavazzoni: “Chiusura 2013 con un fatturato di 3,5 milioni. Nel 2014 +12% del margine operativo lordo”

 
A un anno dalla sua fondazione Double Digit Group svela per la prima volta strategia di business e prossimi obiettivi. Occasione per parlare della nuova holding focalizzata a 360 gradi sull’internet economy è l’acquisizione del 60% di Kettydo tramite aumento di capitale, operazione che lascia tuttavia ai due soci fondatori dell’agenzia, Federico Rocco e Mirco Bulgaron, delle quote di minoranza. “Dopo aver preso il 73% di Gecod si tratta della seconda società che passa sotto il nostro controllo. Vogliamo creare un gruppo made in Italy capace di seguire tutti gli aspetti di un progetto web, senza rivolgerci a terzi – annuncia a Today Pubblicità Italia il ceo Francesco Zanotti Cavazzoni (nella foto) -. La previsione è chiudere il 2013 con un fatturato di 3,5 milioni, mentre per il 2014 ci aspettiamo un Ebitda del +12% e un giro d’affari di 4 milioni”.

Le due realtà appartenenti a Double Digit Group manterranno identità distinte, così come separate saranno le strutture e il management. “Mentre Gecod è operativa nel settore delle tecnologie internet e delle applicazioni, Kettydo ha un’anima più creativa. Prossimo passo sarà integrare una società operante nel web marketing e infatti stiamo valutando alcuni dossier, ma ne riparleremo il prossimo anno”, spiega Zanotti.

Manifestazioni d’interesse per internazionalizzare la holding, che si auspica possa avere presto un hub commerciale a Londra e un’unità di ricerca e sviluppo a San Francisco. Intanto l’ingresso in Gecod, nominato ‘cool vendor’ da Gartner per aver realizzato Youser-CMS, un meaddle ware capace di accelerare e gestire i dati tra diversi sistemi legacy, ha significato, relativamente a quest’anno, prospettive di crescita con il segno più.
Fermento anche per Kettydo che, stando a quanto ci risulta, nel primo semestre si è aggiudicata quattro importanti gare, cosa che porterà ad accrescere il portfolio della holding, già forte di nomi come Trussardi, Unilever, Monini, Danone, Ducati, Trony, Zurich e Cantine Cesari.
Soddisfazione, infine, da parte del ceo dell’agenzia, Federico Rocco: “Con l’intervento di Double Digit Group nasce un player inedito sul mercato, capace di integrare know how complementari”.

Paola Maruzzi