CREATIVITY

Il Football Club Rubin Kazan cambia volto e guarda al futuro con Interbrand


22.07.2013

Il team italiano sviluppa posizionamento e logotipo per la squadra russa

 

Rubin Kazan, il club calcistico russo che rappresenta i colori di Kazan, capitale del Tatarstan. ha affidato a Interbrand il compito di delineare il nuovo posizionamento del club e di tradurlo in una brand identity coinvolgente. La nuova identità di marca della squadra è stata lanciata lo scorso 20 luglio a Kazan con un evento ad hoc e nasce dalla volontà di consolidare i successi e preparare il futuro del club, ma anche di rimarcarne il ruolo di ambasciatore della città di Kazan: una comunità in cui da secoli culture e religioni diverse convivono in perfetta armonia, e una città aperta al futuro, come testimoniano i grandi investimenti fatti in occasione delle Universiadi appena concluse.

“Si tratta di progetto di branding ambizioso e di ampio respiro – ha sottolineato Manfredi Ricca, Managing Director della sede italiana di Interbrand -. In esso confluiscono una cultura secolare, una sfida per il futuro, generazioni diverse e soprattutto una visione del calcio come linguaggio universale e catalizzatore del progresso”.

La filosofia del club si basa su due ossimori: la costanza nel cambiamento e l’armonia nella diversità. Questo posizionamento è sintetizzato in ‘Stairway to Heaven’, un concetto che combina ambizione e perseveranza, e dal nuovo logo. Il nome del club fa riferimento a una delle pietre più dure, ed evoca l’impegno costante del club nel conquistare nuovi traguardi. Il trattamento digitale del logo lo rende in perpetuo cambiamento, come nella filosofia del club. Rivolto verso occidente, lo Zilant, la creatura leggendaria simbolo della città, domina il logotipo, definendone anche la forma, con un’ala che spezza la forma circolare per puntare, letteralmente, verso l’alto.

“L’identità visiva di Rubin Kazan rappresenta un punto di rottura nel campo calcistico. Abbiamo lavorato per creare un brand capace di raccontare una storia di tradizioni e simboli legati alla terra in cui la squadra è nata, introducendo un approccio fortemente digitale – spiega Emanuela Ferrandi, Head of Design di Interbrand -. I touchpoint digitali dai social alla web tv fino alle app rappresentano, infatti, il canale che maggiormente raggiunge e coinvolgere i tifosi”.