MEDIA

Sportitalia, ok all’asta informale per la vendita dei canali


05.07.2013

C’è più chiarezza nel destino di Sportitalia e dei suoi tre canali Sportitalia 1, Sportitalia 2 e Sportitalia 24 (trasmessi sul digitale terrestre alle numerazioni 60, 61 e 62 e su piattaforma Sky per i canali denominati Sportitalia e Sportitalia 2), dopo che la società Maroncelli 9 (ex Inteactive Group) di Bruno Bogarelli aveva dichiarato fallimento. La procedura potrebbe risolversi entro l’estate. E’ stato infatti pubblicato dal curatore fallimentare il bando per la vendita delle società e del complesso aziendale riconducibile al Gruppo EDB. La base d’asta, conseguente alla presentazione al curatore di una offerta irrevocabile di acquisto, è stata fissata, per il lotto intero, al prezzo di 1.000.000 di euro. Le manifestazioni d’interesse erano state stimolate dal fallimento con l’apertura, nel mese di marzo, della data room.

“L’apertura del bando di gara informale è certamente un passo importante e atteso dalla procedura – ha dichiarato con un comunicato stampa il curatore del fallimento Vito Potenza -. I canali 60, 61,62 rappresentano un asset importante da realizzare e lo dimostra l’attenzione degli operatori televisivi che si sono interessati all’ipotesi di acquisto delle quote delle società EDB Media ed EDB Service. Al di là della ovvia necessità di realizzare attivo che possa andare a vantaggio della massa dei creditori della Maroncelli 9, l’ipotesi di ingresso in società di nuovi proprietari appare auspicabile anche per salvaguardare la continuità aziendale e occupazionale di una importante realtà televisiva operante nell’ambito della comunicazione sportiva”. Il curatore va contattato per eventuali altre informazioni. Le due società EDB Media, che riunisce i giornalisti sportivi, ed EDB Service, che gestisce gli studi televisivi  e il personale tecnico, contano circa 50 dipendenti.