JCDecaux, ricavi a -0,5%. Crescita organica a +4% con il digitale

30 luglio 2018

Jean-Charles Decaux

JCDecaux SA numero uno al mondo della comunicazione esterna, ha pubblicato lo scorso 26 luglio i propri risultati relativi all’esercizio di metà anno 2018.

Nel primo semestre il fatturato rideterminato cala del -0,5% con il raggiungimento di 1.643,3 milioni di euro. Il fatturato rideterminato organico al rialzo del +4,0 % con un’accelerazione del +4,9% nel secondo trimestre. Il margine operativo rideterminato di 214,4 milioni di euro, è in diminuzione del 15,9%. Il risultato netto di pertinenza del gruppo è di 57,5 milioni di euro, in diminuzione del 22,4%. Per il terzo trimestre 2018 è attesa una crescita del fatturato organico rideterminato attesa in aumento di circa il +7%.

“Il nostro fatturato è in diminuzione del -0,5 % dovuto all’impatto negativo dell’effetto del cambio di valuta estera ed è in aumento di +4,0 su base organica, guidato da un secondo trimestre migliore dal previsto con un tasso di crescita organico del +4,9% grazie all’accelerazione nel digitale – ha dichiarato Jean-Charles Decaux, presidente del Comitato esecutivo e co-direttore cenerale di JCDecaux -. Il fatturato digitale del nostro gruppo, che rappresenta attualmente il 18,6% del nostro fatturato totale, continua a crescere energicamente all’interno di tutti i settori d’attività: Arredo Urbano al +38,4%, Trasporti al +17,6% e Affissioni al +22,7%. La crescita organica dell’Arredo Urbano è stata colpita dall’inaspettata cancellazione del contratto ad interim dei AUI (Arredi Urbani per l’Informazione) di Parigi in Francia, mentre il settore dei Trasporti ha registrato una forte performance con una crescita a doppia cifra in Cina. Il settore Affissioni è lievemente calato principalmente a causa di una riduzione del nostro patrimonio di grandi formati tradizionali nel Regno Unito, mentre la nostra attività di grandi formati digitali resta solida. Il settore Affissioni risulta ancora sfidante nel Resto d’Europa e nel Resto del Mondo. Nel complesso il margine operativo è stato anche influenzato nel breve termine dal lancio della piattaforma di programmazione e trading globale, indipendente e automatizzata VIOOH, nonché dalle nostre iniziative di crescita strategiche relative alla creazione della nostra nuova Divisione Data a livello corporate”.

Il presidente sottolinea che nel primo semestre del 2018 la società ha messo a segno diversi contratti pubblicitari significativi, come quelli per l’arredo urbano di Singapore e per l’affissione di grande formato a Lisbona, e che sono stati rinnovati contratti per l’arredo urbano delle strade di Lisbona e di Berlino, quello per i servizi pubblici automatici di Berlino e nei trasporti, quello per la metropolitana di Hong Kong MTR.

“Continua il consolidamento della comunicazione esterna, con l’accordo con APN Outdoor Group Limited per l’acquisizione del 100% del capitale sociale di APN Outdoor tramite un piano di concordato preventivo – ha proseguito Decaux -. L’Australia è il settimo mercato pubblicitario più grande al mondo, con un tasso di crescita della comunicazione esterna che ha ormai raggiunto il 6% della spesa pubblicitaria, il 50% del quale è digitale. La chiusura di questa transazione è soggetta all’approvazione degli azionisti di APN Outdoor Group Limited e all’autorizzazione dell’Australian Competition and Consumer Commission.Per quanto riguarda il terzo trimestre del 2018, ci aspettiamo che la crescita del fatturato organico rideterminato acceleri di un ulteriore +7%. In un panorama dei media che appare sempre più frammentato, la comunicazione esterna rafforza la propria attrattiva. Con la nostra forte esposizione nei Paesi a crescita più elevata, lo sviluppo del nostro portafoglio digitale, in connessione con una nuova piattaforma di vendita al pubblico alimentata in dati qualitativi, la nostra capacità di stipulare nuovi contratti e la qualità dei nostri team nel mondo, siamo convinti di essere ben posizionati per continuare a raggiungere delle performance sempre migliori nel mercato pubblicitario mondiale e a rafforzare la nostra posizione di numero uno del mercato della comunicazione esterna, grazie ad acquisizioni remunerative di quote di mercato. La solidità del nostro stato patrimoniale è un vantaggio chiave che ci permetterà di continuare a cogliere le opportunità di crescita che si presenteranno e a investire in modo significativo nel digitale”.