Tax credit, operativo il credito d’imposta sulla pubblicità incrementale

26 luglio 2018

Andrea Riffeser Monti

Pubblicate in Gazzetta le disposizioni applicative per stampa, tv e radio. Andrea Riffeser Monti (Fieg): “Si premia un mezzo di comunicazione conveniente ed efficace, vicino ai cittadini”

È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 170 del 24 luglio 2018 il D.P.C.M. 16 maggio 2018, n. 90, che definisce le disposizioni applicative per l’attribuzione del credito d’imposta per gli investimenti in campagne pubblicitarie effettuati sulla stampa quotidiana e periodica, anche online, e sulle emittenti televisive e radiofoniche locali, analogiche o digitali.

Il credito d’imposta è pari al 75% del valore incrementale degli investimenti compiuti a partire dall’1 gennaio 2018 il cui valore superi di almeno l’uno per cento gli analoghi investimenti effettuati sugli stessi mezzi di informazione nell’anno precedente e può essere elevato al 90% nel caso di microimprese, piccole e medie imprese.

Il bonus è utilizzato esclusivamente in compensazione attraverso la presentazione telematica del modello F24. Le domande per l’accesso all’agevolazione, relativa agli investimenti pubblicitari incrementali sulla stampa effettuati nel 2017 e nel 2018, andranno presentate a decorrere dal prossimo 22 settembre ed entro il 22 ottobre.

Il presidente della Fieg, Andrea Riffeser Monti, ha così commentato: “Con la pubblicazione in Gazzetta del DPCM diventano finalmente concrete le agevolazioni previste per le imprese, i lavoratori autonomi e gli enti non commerciali che decidono di utilizzare i giornali per promuovere i propri prodotti, i propri servizi, le proprie iniziative. Si premia in questo modo, con una misura anticiclica e positiva per l’intera economia, un mezzo di comunicazione conveniente ed efficace, vicino ai cittadini”.