Per Publicis Italia e Diesel oro, argento e bronzo anche in Direct. Un bronzo in Pr

22 giugno 2018

I Grand Prix ad Australia e Uk. Un progetto targato Uk ma firmato da Google Milano per Yoox Milano conquista un argento e un bronzo in Direct

di Laura Buraschi


Continua a crescere il bottino di Publicis Italy e Diesel. Nei Direct Lions arriva infatti il terzo oro per la squadra guidata da Bruno Bertelli, per ‘Deisel – Go with the fake’, che nella stessa categoria si aggiudica anche un argento e un bronzo. E un bronzo arriva anche nei Pr Lions.

In queste due categorie non ci sono altri metalli per le agenzie italiane, nulla di fatto quindi per gli altri progetti entrati in shortlist: ‘The Voice of Voices’ di McCann per Nemo, ‘Trust Race’ di Verba per Audi, ‘The Room’ di DDB Group per Ikea, ‘Dacia Auction’ di Renault, iscritta da OMD e con creatività di Publicis, ‘Black Future Social Club’ di Dude per Netflix, Leo Burnett con ‘McDelivery Shelter’ per McDonald’s.

Ci sono però altri due Leoni dal cuore italiano, anche se targati UK: ‘The most exclusive collection’, ideato da Stink Studios London e da Google Milano per Yoox Milano, ha infatti conquistato un argento e un bronzo nei Direct.

In questa categoria il Grand Prix va a ‘Palau Pledge’, progetto australiano firmato da Host/Havas Sydney per Palau, con l’obiettivo di sensibilizzare non solo la popolazione ma anche i turisti dell’importanza del contributo di ciascuno nel preservare l’ambiente.

Susan Credle, global chief creative officer FCB presiedeva la giuria a cui ha preso parte, in rappresentanza dell’Italia, Gina Ridenti, group executive creative director di TBWA, nella fase di selezione della shortlist.

“Pur non avendo visto tutti i lavori – spiega Ridenti a Today Pubblicità Italia – ho trovato alcuni elementi comuni molto interessanti. Il filone di base è la propensione a fare progetti che contribuiscano in qualche modo a cambiare la vita delle persone o gli atteggiamenti nei confronti di alcune tematiche sociali”.

Dieci gli ori assegnati nei Direct Lions, mentre in Pr sono stati quattordici e il Grand Prix è andato a ‘Trash Isles’ di AMVBBDO London per Plastic Oceans/Ladbible, già vincitore del Grand Prix in Design.

Stuart Smith, global chief executive officer di Ogilvy Pr, ha guidato la giuria nella quale ha lavorato per l’Italia, in fase di selezione della shortlist, anche Elisabeth Leriche, advertising, digital & CRM Manager Renault, che ci spiega: “Io rappresentavo un cliente all’interno di una giuria di creativi, quindi mi sono concentrata sulle proposte creative legate al mondo del business, e mi è sembrato che dal lato commerciale ci fossero molte attività interessanti in particolare nel food. Nel complesso però, mentre siamo tutti impegnati a cercare il link tra data e creatività, su questo fronte sono un po’ delusa: ho visto meno cose ‘disruptive’ rispetto all’anno scorso. Guardando da vicino quello che è il mio settore, ovvero l’automotive, mi sembra che siamo in piena trasformazione di prodotto, però questo non si è ancora manifestato nella creatività. Invece ho visto idee davvero interessanti in entertainment e media”.

 

Clicca qui per tutti gli articoli relativi a Cannes Lions 2018