Editoriale Domus, nel 2017 fatturato netto adv a +2%. Il digital in crescita a 6,2%

16 maggio 2018

Sofia Bordone

Nel primo trimestre 2018 fatturato in aumento dell’1,7%. A giugno il restyling del sito di RuoteClassiche

di Fiorella Cipolletta


Editoriale Domus, azienda al 100% familiare e non quotata, nel corso degli anni ha costruito un efficace sistema di comunicazione intorno ai suoi brand, in grado di far dialogare i consumatori e le imprese. Il nuovo cambio generazionale, con Sofia Bordone ad di Editoriale Domus, ha messo in atto messo un’importante strategia che ha garantito vitalità, autorevolezza e longevità e vigore alla casa editrice, portando il ritorno all’utile nel 2015. Il 2016 è stato poi l’anno del consolidamento.

“E il 2017 è stato all’insegna dello sviluppo e della crescita – sottolinea Sofia Bordone -. L’anno che ci siamo lasciati alle spalle ha permesso di portare Editoriale Domus a registrare un fatturato netto pari a 54,1 milioni di euro, in crescita dell’1,3% rispetto al 2016, ossia 53,4 milioni di euro. Il 2016 è stato per la casa editrice un anno particolare e denso” ha precisato Bordone.

Un anno che ha celebrato un compleanno importante per i 60 anni di Quattroruote, il 90esimo anniversario di Domus, e il lancio dell’edizione 10 di ‘Cucchiaio d’Argento’.

I dati del bilancio approvato il 5 maggio hanno evidenziato “un fatturato netto totale pubblicitario in crescita del 2%, passando da 25,3 milioni di euro del 2016 a 25,8 milioni nel 2017 – continua l’ad -. Anche la raccolta digital è aumentata del 6,2%, segnando un fatturato netto pari a 8,6 milione di euro rispetto agli 8,1 milioni di euro del 2016”.

A crescere sono anche le property digitali di Editorial Domus che registrano risultati a doppia cifra, grazie anche al rilancio dei siti Domus e di Quattroruote.

“Nel 2017 gli utenti unici sono stati 10,2 milioni a livello mensile in aumento del 23% rispetto al 2016: le pagine viste sono passate da 53,2 milioni”.

In calo il fatturato netto pubblicitario delle testate cartacee, diminuita del -3,4% (da 14,6 milioni a 14,1 milioni). Ottime le performance derivanti dall’area delle manifestazioni, che nel corso dell’anno sono state oltre 70, compresi gli appuntamenti dell’Accademia, il cui fatturato advertising è passato da 2,5 milioni a 3,1 milioni (+24%).

“Uno degli ambiti su cui puntiamo è l’allargamento delle attività, oltre a quelle editoriali, che comprendono quindi l’area digital e le manifestazioni, la cui buona crescita ha inciso sui fatturati netti della pubblicità”, ha sottolineato Bordone.

Soddisfazioni per la casa editrice soprattutto dal sistema Professional (banche dati e prodotti software di gestione parco auto) che registra una crescita del +10,2%, raggiungendo i 13 milioni (rispetto agli 11,8 milioni del 2016).

Molto positivo il fatturato della parte Professional, che ha segnato una crescita del +10,2%, raggiungendo i 13 milioni, rispetto agli 11,8 milioni del 2016. Sul fronte delle diffusioni, i ricavi a pari perimetro sono scesi di circa il -10% rispetto al 2016, attestandosi nel 2017 a quota 13,3 milioni. Il risultato prima delle imposte è di 2,5 milioni in calo rispetto ai 2,9 milioni del 2016.

“Dato dovuto ai forti investimenti sostenuti in ambito tecnologico, professionale e digital e in risorse – ha precisato l’ad Sofia Bordone -. Siamo cresciuti di oltre 900 mila euro di costi per risorse umane – 10 persone assunte nel 2017 nei settori professional e digital -, oltre a investimenti complessivi pari a 1,7 milioni, che includono CRM e sviluppi in tecnologie varie, come ad esempio il rifacimento di siti”.

A giugno è atteso il debutto del restyling del sito di RuoteClassiche. La casa editrice che edita 13 testate specializzate in architettura e design, automotive, food e turismo, tra cui la storica rivista Domus, Quattroruote, ‘Cucchiaio d’Argento’ e Meridiani, è da ieri in edicola con il nuovo magazine Youngtimer (vedi notizia). L’azienda che gode di un indebitamento pari a zero, ha iniziato bene l’anno.

“Il 2018 è partito bene fatturato in crescita dell’1,7% nel primo trimestre”, ha concluso Sofia Bordone.