Userbot lancia il software AI che interpreta l’umore dei clienti

9 maggio 2018

La startup tecnologica italiana Userbot ha sviluppato una soluzione proprietaria di Intelligenza Artificiale (AI), con l’obiettivo di ottimizzare e rendere più semplici e veloci le comunicazioni tra aziende e consumatori.

Il progetto nasce da una semplice constatazione: la necessità di migliorare il customer service, che ancora oggi risulta in molti casi macchinoso e poco organizzato in aziende di ogni dimensione.

A fronte di un utilizzo sempre più diffuso di servizi di live chat, primi fra tutti quelli dei più popolari social network, che consentono un processo di domanda-risposta istantaneo, la gran parte delle aziende si trova a fornire con ritardo risposte ai propri clienti, spesso esperienze frustranti per gli utenti finali. Da qui l’idea di utilizzare l’Intelligenza Artificiale per automatizzare le comunicazioni tra aziende e consumatori.

Il servizio messo a punto da Userbot viene installato sui principali canali digitali: siti web, pagine Facebook, app iOS e Android fino ai servizi di messaggistica come Telegram.

Le conversazioni sono gestite direttamente dall’AI e, nel momento in cui la macchina non è in grado di rispondere a una particolare domanda, questa viene automaticamente girata all’operatore umano in modo da soddisfare in tempo reale la richiesta del cliente, e permettere all’Intelligenza Artificiale di imparare dalle risposte degli operatori umani. Userbot ha già raccolto oltre 300.000 euro di investimenti da privati ed è partecipata anche dal PoliHub.

Ora è protagonista di una campagna di raccolta sul portale di equity crowdfunding CrowdFundMe che punta a un obiettivo minimo di 80.000 euro per: investire nella pubblicità, con l’obiettivo di affermarsi nel settore dell’AI in Italia; creare nuovi posti di lavoro, soprattutto nell’ambito dello sviluppo Frontend, Backend e AI Engineering, per potenziare il core business dell’azienda, con assunzioni di account manager, per fidelizzare i clienti già acquisiti e intercettarne di nuovi e digital strategist per implementare la presenza sui canali digitali; conquistare i mercati esteri.

Obiettivo di Userbot è infatti espandersi entro la fine del 2018 nei Paesi anglofoni (UK e USA) per affermarsi poi nel 2019 nei mercati di lingua spagnola, tedesca e francese e, nel 2020, raggiungere Russia e Cina.