Wpp, nel primo trimestre ricavi a 3,555 miliardi di sterline (-4%)

3 maggio 2018

Wpp ha riportato nei primi tre mesi dell’anno ricavi in calo del 4% a 3,555 miliardi di sterline, a causa di un impatto negativo dai cambi del 6%.

Al netto dell’effetto valutario i ricavi sarebbero stati in aumento del 2%. Le vendite su base comparabile sono salite dello 0,8%, meglio delle attese del mercato. Si tratta dei primi risultati dopo l’annuncio delle dimissioni del fondatore e ceo Sir Martin Sorrell, avvenuto lo scorso 14 aprile.

“Siamo lieti di annunciare i conti del primo trimestre, in linea con le nostre aspettative – ha commentato l’executive chairman Roberto Quarta –. Confermiamo le nostre previsioni per l’intero 2018”. Quarta ha inoltre sottolineato l’alta qualità del “management team in tutti i rami di business”.

Mark Read e Andrew Scott, joint Chief Operating Officers, “stanno fornendo la stabilità e la leadership richieste da Wpp, ma non siamo ancora fermi. Hanno il pieno sostegno mio e del Board per rivedere la strategia, per tornare da noi con suggerimenti e raccomandazioni e per andare avanti in modo deciso per attuare la nostra visione per il Gruppo”.

Diversi gli andamenti delle singole aree geografiche. Nel primo quarter, infatti, i ricavi like for like nel Nord America calano del -1,1% e le vendite nette del 2,4%, mentre nel Regno Unito crescono del 5,4% e dell’1,6%.

Per quanto riguarda la perfomance dell’Europa Occidentale e Continentale (-1,5% e -0,2%), si segnala il forte rialzo per Italia, Olanda, Scandinavia, Spagna e Turchia, mentre peggiora la Germania e si registrano difficoltà in Austria, Belgio, Francia, Grecia, Irlanda e Svizzera.

Da un punto di vista operativo e di business, in crescita le attività media, le relazioni pubbliche e le discipline specialistiche (digital, interactive e direct marketing), mentre calano l’advertising e data investment management, in particolare nei mercati maturi.