A+E Networks Italia presenta gli highlights di maggio

16 aprile 2018

Sherin Salvetti

L’epopea del calcio e dei suoi campioni, il 1968 da chi l’ha vissuto in prima persona, la Turchia di Erdogan, la biografia del più grande poligamo di sempre.
Queste sono alcune delle storie raccontate a maggio da Crime+Investigation, Blaze e History, i canali del gruppo A+E Networks Italia, guidato nel nostro Paese dal general manager Sherin Salvetti.

CRIME+INVESTIGATION (CANALE 118 DI SKY)
LIVE PD: CRIMINI IN DIRETTA
Da lunedì 14 maggio alle 19.15
Inseguimenti, posti di blocco, arresti, emergenze, pronto intervento: tornano le avventure delle pattuglie di polizia impegnate nei loro turni di lavoro in un mix di tensione, adrenalina e momenti bizzarri. E’ il racconto senza filtri del lavoro delle forze di polizia di alcune città statunitensi.

IL PADRE DELLA POLIGAMIA
Martedì 29 maggio alle 22.00
Warren Jeffs è diventato famoso per essere il più grande poligamo della storia: “profeta” a capo di una comunità religiosa con più di 15000 seguaci, ha avuto 78 mogli e più di 50 figli. Nel 2011 è stato arrestato e condannato per abusi su minori. Questo speciale di due ore ne ripercorre la vita, la fondazione della sua “Chiesa” e, attraverso le testimonianze di membri della comunità, cerca di rivelare i segreti più oscuri del predicatore.

BLAZE (CANALE 119 DI SKY)
SI SALVI CHI PUO’!
Da lunedì 21 maggio alle 20.10
Si salvi chi può! è una collezione di filmati in cui la gente mette alla prova i propri limiti attraverso sfide impossibili, che alla fine finiscono tutte con una rovinosa caduta. Da goffi bikers ad automobili allo sbaraglio a imbarazzanti tentativi di parkour: Si salvi chi può! ci mostra come qualsiasi tentativo di mettersi in mostra possa cadere nel ridicolo.

HISTORY (CANALE 407 DI SKY)
HISTORY OF FOOTBALL
Da lunedì 28 maggio a domenica 10 giugno
Da Pelé a Maradona, da Platini a Zidane, da Cristiano Ronaldo a Messi, passando per i trionfi della nazionale brasiliana alla vittoria dell’Italia di Bearzot in Spagna fino al dominio tedesco agli ultimi mondiali. In occasione della Coppa del Mondo 2018, dal 28 maggio al 10 giugno, History proporrà agli spettatori History of Football: 24 ore al giorno, sette giorni su sette, una programmazione che celebra il gioco del calcio: le partite più importanti, i campioni che hanno entusiasmato milioni di spettatori, gli allenatori che hanno rivoluzionato questo sport.
Tantissime le anteprime assolute proposte dal canale 407 di Sky.
La grande storia dei mondiali: Cinque documentari di un’ora ciascuno che raccontano alcuni dei più importanti mondiali di calcio e i giocatori che ne sono stati protagonisti, proponendo interviste esclusive, immagine inedite e tantissime curiosità: Pelé e i ragazzi del Brasile (il trionfo del Brasile a Messico ’70); Pavarotti, Gazza e i leoni del Camerun (le notti magiche di Italia ’90); I tre moschettieri (Zidane, Beckham e Ronaldo a Francia ’98); Portatemi la testa di Diego Armando Maradona (l’incredibile carriera del “Pibe de Oro”, culminata con la vittoria ai mondiali in Messico del 1986, quelli della “Mano de Dios” contro l’Inghilterra) e I sette gol che hanno scioccato il mondo (la clamorosa goleada della Germania contro il Brasile di quattro anni fa).
I boss del calcio: Cinque documentari di un’ora ciascuno dedicati agli allenatori che hanno avuto un impatto determinante sulle squadre che hanno guidato.
I grandi del calcio: testa a testa: Il calcio non è solo una sfida tra due quadre. È un duello tra campioni: un confronto, anche tra giocatori di epoche diverse, che appassiona e fa litigare gli sportivi di tutto il mondo. Si tratta di cinque documentari di 30 minuti ciascuno che illustrano le carriere di alcuni campionissimi: Cristiano Ronaldo contro Messi oppure David Villa contro Thomas Müller. E ancora: Beckham e Bale, Van Basten e Klinsmann.
Le novità non finiscono qui. Oltre a trasmettere i film ufficiali dei mondiali di calcio voluti dalla FIFA (compreso anche quello relativo a Spagna ’82), History presenterà anche diverse produzioni locali che si concentrano su uomini e fatti del nostro calcio: dalla biografia dedicata a Vittorio Pozzo, uno degli allenatori più vincenti di sempre del nostro calcio: due Coppe del Mondo e un’Olimpiade, alla sconfitta della nostra nazionale contro la Nord Corea ai mondiali del ’66.
Infine, History of Football manderà in onda numerose pillole televisive dedicate alle persone che ruotano intorno allo sport più amato al mondo: dai manager dei calciatori agli arbitri ai tifosi. E metterà in piedi una serie di iniziative che coinvolgeranno i social network tra cui sondaggi, interviste con esperti e giochi.
Numerosissimi i campioni e gli allenatori intervistati. Tra i primi: Manuel Neuer, Ryan Giggs, Rivelino, Lothar Matthäus, David Villa, Gary Lineker, Mario Kempes, Pelé. Tra i secondi: Carlos Bilardo, Louis Van Gaal, Roy Hodgson. Anche l’Italia sarà protagonista di History of Football con un campione d’eccezione: Gianluca Vialli. L’ex calciatore di Cremonese, Sampdoria, Juventus e Chelsea e attuale commentatore di Sky Sport realizzerà appositamente per il pubblico italiano una serie di brevi pillole video, raccontando un aneddoto o un ricordo legato alla storia del calcio.

1968MM
Da lunedì 7 maggio alle 21.00
Il maggio francese. Gli scontri a Valle Giulia a Roma tra studenti e forze dell’ordine. La guerra in Vietnam. La Primavera di Praga. La rivoluzione sessuale. La lotta per i diritti degli afro-americani. Il femminismo. Questo, e tanto altro, è stato il 1968. Sono passati 50 anni ma il ‘68 rappresenta ancora, nel bene e nel male, un momento di svolta epocale nella nostra vita.
Ma cosa è stato effettivamente quell’anno? Cosa ha significato per il nostro Paese? A queste e ad altre domande prova a rispondere History con 1968mm, la mini-serie in tre parti che affronta quel periodo storico da un punto di vista originale. Quale? Le testimonianze chi l’ha vissuto in prima persona: gente comune che si è trovata – spesso per puro caso – al centro di eventi che hanno modificato il corso della storia e li ha immortalati con le cineprese da 8 millimetri, protagonisye all’epoca di un vero e proprio boom, simile a quello attuale degli smartphone. Basandosie su numerosi filmati amatoriali, il racconto di History si dipana tra grandi avvenimenti, come il conflitto nel Sud-Est Asiatico, le occupazioni delle università italiane e il massacro compiuto dalle forze armate alle Olimpiadi in Messico, e i cambiamenti nei modi di intendere la religione, la sessualità, la musica.
Daremo la parola a Orazio Antonacci e Nicola Scalfini: nel ’68 erano due giovani di sinistra che decisero di andare nella Cecoslovacchia di Dubcek per conoscere da vicino l’esperimento del “socialismo dal volto umano” e si trovarono nel mezzo della repressione compiuta dall’Armata Rossa. Sentiremo la produttrice cinematografica Marina Cicogna che racconterà l’impatto in Italia del film didattico a sfondo sessuale Helga, il più grande incasso al box office italiano nel 1968. Lo storico e giornalista Paolo Mieli ci riporterà alle giornate infuocate del maggio parigino.
Da un’idea di Arik Bernstein, 1968mm vede alla regia Jerry Rothwell (già vincitore al Sundance Film Festival e alla Festa del Cinema di Roma), Felix Kriegsheim e Stefano Strocchi ed è prodotto da Boekamp & Kriegsheim GmbH e DocLab con la partecipazione di PINK e Alma Films. I produttori sono Marco Visalberghi, Felix Kriegsheim e Nils Boekamp.

’78 – VAI PIANO MA VINCI
Domenica 27 maggio alle 21.00
Pier Felice Filippi aveva 23 anni quando fu rapito dalla ‘ndrangheta. Dopo 76 giorni di prigionia riuscì a liberarsi, a fuggire e far arrestare i suoi rapitori.
Attraverso il racconto diretto del protagonista, della famiglia e degli investigatori, ricostruiamo la prigionia e la pianificazione della fuga di Pier Felice. In parallelo, grazie alle registrazioni originali delle telefonate fra i rapitori e il giovane, rivivremo la battaglia di un padre nel tentativo di restituire la libertà al figlio.
Pier Felice sa che sta per affrontare la sfida più importante della sua vita ma è una gara che dovrà correre andando più piano possibile, mantenendo lucidità e freddezza. “Va’ piano ma vinci” ripeteva sempre la madre prima di ogni gara, mai come in quei giorni quella raccomandazione gli diede la forza di non arrendersi.
Questa è la storia della sua fuga.
’78 – Vai piano ma vinci è stato candidato ai David di Donatello 2018 nella categoria come miglior documentario. Prodotto da MOWE di Roberta Trovato, è scritto e diretto da Alice Filippi, figlia di Pier Felice.

ERDOGAN, IL NUOVO SULTANO
Lunedì 21 maggio alle 21.50
In pochi anni la Turchia è stata protagonista di una preoccupante deriva autoritaria, culminata nel referendum costituzionale che ha conferito al presidente Recep Tayyip Erdogan poteri senza precedenti. A seguito del fallito colpo di stato, la repressione messa in atto negli ultimi mesi contro i suoi oppositori è stata feroce: decine e decine di migliaia di persone arrestate, licenziate o sospese dal lavoro. E non sembra fermarsi. Eppure, fino a qualche anno fa, il presidente turco amava presentarsi come un musulmano moderato. Ma cosa ha reso possibile la lenta e graduale trasformazione di un politico che perorava l’adesione della Turchia all’Europa nell’uomo forte che oggi dirige il paese con il pugno di ferro? A dare una spiegazione di questa involuzione arriva il documentario Erdogan, il nuovo sultano, l’appuntamento di maggio di History Now, il ciclo di programmazione che History dedicata all’attualità.