Al via la seconda edizione del Brand Festival

3 aprile 2018

Graziano Giacani

Intervista a Graziano Giacani founder della Premiata Fonderia Creativa e ideatore della manifestazione che animerà Jesi per una settimana

di Andrea Crocioni


Lavora nel mondo della comunicazione dal 2001, sviluppando progetti per brand internazionali come Fiat, Angelini, Indesit, Hot Point, ma anche per tante realtà locali che fanno del loro territorio un valore importante.

Parliamo di Graziano Giacani, ideatore e direttore creativo del Brand Festival, fondatore della Premiata Fonderia Creativa. Sviluppa progetti di identità per persone, imprese, territori.

Dal 6 al 13 Aprile 2018 a Jesi torna il Brand Festival. Come nasce l’iniziativa?
Cultura della marca e dell’identità aziendale, personale e territoriale. Il Brand Festival nasce con questo obiettivo principale: creare un’occasione vera di riflessione e approfondimento per tutte le categorie professionali e sociali sulle opportunità che genera l’identità.

Nato quasi per scherzo, nel 2017 doveva essere un semplice incontro sul tema del branding poi, giorno dopo giorno si è trasformato in qualcosa di inaspettato: un’intera città (Jesi) che apre le porte dei suoi palazzi più belli; i professionisti di un’intera regione, le Marche, che accettano la sfida di dimostrare il valore della ‘comunicazione in provincia’; aziende e grandi professionisti che scelgono di uscire dai tradizionali luoghi della comunicazione (Milano e Roma) per un evento ‘fuori mano’ dal carattere glocale.

In poche settimane ci siamo ritrovati con migliaia di persone provenienti da tutta Italia, in decine di eventi sul branding per otto giorni di incontri e un teatro storico pieno di professionisti, imprenditori ed appassionati. Una scommessa vinta!

Questa nuova edizione riparte da lì. Dai successi del primo esperimento (la città, il format, il modo con cui viene affrontato il tema della Marca), ma soprattutto dai tanti feedback ricevuti nel 2017.

 

 

Come si articola il palinsesto?
100 protagonisti, oltre 40 eventi, 2 main event e 8 giorni di eventi. Ognuno avrà il suo ‘appuntamento imperdibile’.

Si parte con un weekend di altissimo livello: venerdì 6 aprile sarà una giornata dove si affronterà il tema della Marca dal ‘locale’ all’internazionale con un due eventi che vedranno protagoniste le aziende e le agenzie del territorio fino ai grandi eventi mondiali sul branding.

Sabato 7 sarà la giornata dedicata alla formazione con due corsi professionali di brand design e di digital branding, tre appuntamenti dedicati al personal branding con un focus sull’umorismo, lo stile e il public speaking.

Spazio anche alle dinamiche culturali del branding con l’inaugurazione della mostra dedicata al grande pubblicitario italiano (nato a Jesi) Gilberto Filippetti e a un convegno sull’identità dei musei.

Domenica 8 è il grande evento al teatro storico Pergolesi. Sul palcoscenico principale alcuni fra i più grandi protagonisti della comunicazione: Michelangelo Tagliaferri, Alessandro Ubertis, Paolo Iabichino, Flavia Trupia, Luca La Mesa, Nico Caradonna con Riccardo Scandellari.

Oltre a grandi aziende pronte a raccontare da dentro le dinamiche di sviluppo dell’Identità: Ceres, Barilla, le Gallerie degli Uffizi. Ma tutto il teatro sarà il vero protagonista.

Nei palchetti saranno infatti presenti i professionisti e le agenzie di comunicazione delle Marche, in platea gli imprenditori e tutti gli altri.

Attraverso due momenti specifici chiamati ‘Meeting Time’, a metà mattinata e a metà pomeriggio, si creeranno delle inaspettate combinazioni e networking. E poi la settimana!

Da lunedì a venerdì ogni giorno ‘un menù’ di iniziative per tutte le categorie merceologiche e professionali.

Per fare qualche esempio: lunedì 9 un corso professionale sul copywriting con Valentina Falcinelli di Penna Montata, una corso sul brand journalism con Daniele Chieffi, un convegno dal titolo ‘Storybrand’ con SodaStream e CucinaBarilla. Martedì una tavola rotonda sulla brand territoriale con case history da Matera, Taranto e Venezia.

Mercoledì un appuntamento con la marca sostenibile assieme a Coop e FSC. Giovedì il Business Day per gli imprenditori dal titolo ‘Scegliere, Vendere, tutelare’.

Ed infine venerdì 13 una giornata dedicata ai libri sul branding con il professor Gaetano Grizzanti e la presentazione del libro della professoressa Benvenuti ‘Il brand Gomorra’.

Come si è evoluto il format?
Le novità sono tante e per tanti professionisti e appassionati Nuove date, con un week end di apertura (venerdì 6 aprile – domenica 8 aprile), nuovi argomenti (dalla brand territoriale ai valori sostenibili della marca, dal valore finanziario del branding fino all’umorismo per il personal branding) e nuovi protagonisti.

Il festival muta ogni anno e ci piace questa sua caratteristica di rimettersi in discussione ogni volta. Quel che è certo è che il Brand Festival non è più un esperimento, è oramai un evento atteso da molti.

Forse è questo il più grande cambiamento che ci siamo trovati ad affrontare. E per fortuna in tanti hanno scelto di condividere questo percorso, di sostenerlo e di investirci tempo ed energie.

A partire dal Comitato Scientifico, la prima grande novità della nuova edizione. Un team di grandi professionisti che svolge il fondamentale ruolo di ‘slancio qualitativo’ di tutto l’evento.

A comporre il comitato scientifico per questa edizione ci sono anche Alessandro Ubertis, Elio Carmi e Riccardo Scandellari i quali hanno coordinato e contribuito ai contenuti, agli ospiti e alle idee di questa edizione.

Per consultare il programma completo su brandfestival.it.