Kimberly-Clark avvia una gara creativa globale da 800 milioni di dollari

6 marzo 2018

©kimberly-clark.com

Kimberly-Clark ha avviato una gara creativa globale dal bugdet stimato di 800 milioni di dollari. Come riporta Adweek, la multinazionale ha inviato all’inizio dell’anno a una serie di agenzie un documento RFP (Request for proposal) a cui rispondere entro la fine del mese.

L’obiettivo della multinazionale, che possiede brand come Kleenex e Huggies, sarebbe rivedere il roster delle agenzie di riferimento nel quadro di un regolare e periodico assessment dei partner per i servizi creativi.

“Kimberly-Clark sta valutando l’attuale panorama delle agenzie per i servizi creativi – ha detto un portavoce della società -. Esaminiamo regolarmente i nostri rapporti con le agenzie, sia livello globale sia locale”.

Il gigante dei prodotti per la cura personale ha lavorato per lungo tempo con diverse agenzie del Gruppo Wpp, tra cui Ogilvy e Jwt. Ogilvy sarebbe ancora in gara, mentre JWT, che ha lavorato fino a questo momento per marche come Kleenex e Cottonelle sarebbe già stata eliminata.

Anche VML, che ha gestito le attività digitali per alcune campagne correlate, non sarebbe stata coinvolta nel pitch. La gara esclusivamente creativa, non metterebbe in discussione l’incarico per il media planning & buying gestito da Mindshare.

Secondo Kantar Media, Kimberly-Clark ha speso circa 210 milioni di dollari sui paid media per promuovere i propri brand negli Stati Uniti nel corso del 2016 e circa la stessa somma per i primi 9 mesi del 2017. A livello globale l’azienda investe circa 400 milioni di dollari all’anno sui paid media e l’investimento sale a 800 milioni considerando anche il budget digital.