Intesa Sanpaolo investe 2 milioni per la nuova campagna. Budget 2018 in crescita

21 febbraio 2018

Andrea Lecce, Antonio Allegra, Andrea Pirlo e Fabrizio Paschina

di Claudia Cassino


Intesa Sanpaolo investirà 2 milioni di euro per il nuovo spot dedicato a promuovere l’offerta rivolta agli under 2018 e la collaborazione con il brand Panini (vedi notizia).

Si tratta del terzo episodio del format di comunicazione ‘Sharing Dreams’, lanciato nell’autunno 2017 e basato su materiali trovati in rete montati con il sottofondo musicale di Sh-Boom (The Chords).

L’investimento consentirà una presenza on air per cinque settimane, a partire dal 18 febbraio, su televisione, digital, testate cartacee sportive e relativi siti web.

La somma si inserisce all’interno di un budget annuale complessivo in aumento rispetto al 2017, esercizio che già aveva registrato una crescita rispetto al 2016.

Confermati inoltre per l’intero 2018, come spiegato ieri da Fabrizio Paschina, responsabile Pubblicità e Web di Intesa Sanpaolo, tutti i partner di comunicazione della banca: Stv DDB per la creatività, Wavemaker per la pianificazione media e AKQA per le attività digital.

In primavera sarà on air un nuovo soggetto, il quarto della serie ‘Sharing Dreams’, su un tema ancora in via di definizione.

Protagonista del film appena lanciato è un bambino alle prese con la costruzione di un razzo in cartone che lo fa volare nel mondo dei suoi sogni.

“Nel nuovo spot sogni e passioni rappresentano un veicolo per crescere – ha sottolineato Paschina -. È sorprendente come nonostante il grande cambiamento tecnologico della nostra società dall’analogico al digitale, ci siano interessi che si tramandano di generazione in generazione. I bambini sono felici quando escono dalle nostre filiali con la scatola di figurine in mano e anche i genitori rivivono un momento di divertimento della loro infanzia”.

Grazie alla recente collaborazione tra Intesa Sanpaolo e Panini, infatti, il nuovo conto (XME Conto Up) che la banca dedica ai più piccoli prevede in omaggio un album Calciatori 2017-2018 e 500 figurine, oltre all’opportunità di vincere un pallone da calcio.

Dal lancio del nuovo prodotto a oggi sono stati aperti circa 20.000 conti correnti rivolti alla fascia 0-18 anni, che offrono ai genitori – tra le altre cose – la possibilità di controllare l’attività dei figli grazie a una funzionalità di ‘parental control’.

Per raccontare le caratteristiche del nuovo conto e le iniziative rivolte ai giovani, dal 24 febbraio, Panini e Intesa Sanpaolo daranno vita al ‘Panini Tour Up! 2018’ che farà tappa in 30 città italiane e sarà firmato da Industree Communication Hub, agenzia di riferimento di Panini per gli eventi (per info sulle location: www.paninitourup.it).

Ma il legame della banca con il mondo del calcio non finisce qui: Intesa Sanpaolo sarà infatti partner della partita d’addio dell’ex giocatore della Nazionale Andrea Pirlo, che si svolgerà a San Siro il prossimo 21 maggio.

“La partnership con Intesa Sanpaolo rappresenta per Panini una novità assoluta in Italia, data la portata dell’iniziativa e tutte le attività connesse a essa, e i primi risultati stanno dimostrando un notevole gradimento del progetto da parte delle famiglie – ha aggiunto Antonio Allegra, direttore Mercato Italia Figurine e Card del gruppo Panini -. Siamo contenti che la passione per le figurine possa contribuire e stimolare i giovani su valori importanti e l’associazione del concetto di collezionismo con quello di risparmio ci sembra assolutamente coerente in un messaggio alle nuove generazioni”.

“Investire sui giovani per noi significa investire sul futuro della banca – ha commentato Andrea Lecce, responsabile Marketing di Intesa Sanpaolo -. È importante instaurare con loro fin da subito una relazione di fiducia e duratura, accompagnandoli nei momenti chiave del loro percorso di crescita e di formazione. Vogliamo contribuire a una nuova cultura del risparmio, in grado di alimentare le speranze e le prospettive dei giovani: abbiamo tutti bisogno di liberare energie produttive e di sentire il loro entusiasmo”.

Proprio i giovani sono al centro di una ricerca commissionata a Ipsos che traccia la carta d’identità della nuova generazione: gli interessi e le passioni che la animano, ma anche l’atteggiamento nei confronti di temi come il risparmio e la progettazione del proprio futuro.

Secondo l’indagine, i giovani italiani danno più valore alle esperienze che al consumo e percepiscono – come i genitori – la precarietà del contesto economico: solo 4 su 10 pensano che vivranno meglio dei loro genitori, mentre 20 anni fa erano 6 su 10.

Il loro stile di consumo è volto a massimizzare i benefici che derivano dalle proprie spese, che gestiscono con razionalità, attenti a non fare ‘il passo più lungo della gamba’.

La fluidità domina il loro stile di vita, a volte si trasforma in un vero e proprio senso di precarietà nel lavoro, nelle relazioni, nelle aspettative.

Si sentono condizionati dall’atteggiamento della famiglia, spesso determinato dalla preoccupazione per il futuro: in media all’età di sette anni i genitori attivano per loro il primo prodotto di accumulo e, a 18 anni, il primo conto corrente in autonomia (quasi il 40% di chi ha un conto, lo ha attivato a 18 anni).

D’altro canto, i giovani nutrono speranze e voglia di mettersi in gioco: cercano qualcuno che creda in loro, di cui fidarsi e un progetto in cui investire le proprie energie.

I clienti under 35 di Intesa Sanpaolo sono 1,7 milioni, il 16% della clientela. Intesa Sanpaolo è entrata nel loro mondo con un numero crescente di iniziative e il sostegno dei più importanti eventi che li coinvolgono: da X Factor alla musica in generale, i fumetti, i videogame e il fantasy.