LaCucinaItaliana.it si rinnova e chiude il 2017 con un raddoppio della raccolta adv

15 febbraio 2018

LaCucinaItaliana.it, declinazione online del magazine La Cucina Italiana, chiude il mese di gennaio con il dato record di 5 milioni di contatti sulle piattaforme digital, che comprendono 3,7 milioni di visitatori unici a dicembre 2017, risultato più che raddoppiato negli ultimi 12 mesi grazie a una produzione sempre più importante sia sul fronte news che su quello delle ricette, e una social community di 1,3 milioni tra fan e follower, in costante crescita in termini di volumi e di engagement.

Risultati raggiunti grazie alla facoltà del sito e dei suoi canali social di rispondere sempre di più alle richieste dei lettori con i quali il rapporto è costante e radicato: commenti, email, messaggi sono solo il primo step di conversazione.

I lettori vengono infatti accolti spesso nelle cucine della redazione, partecipano agli eventi, ai corsi della Scuola e diventano un continuo stimolo per lo sviluppo di nuovi contenuti.

Con l’obiettivo di essere sempre al passo con i tempi e di esaudire le loro richieste, LaCucinaItaliana.it cambia veste e amplia la portata dei contenuti, allineandosi così alla nuova impostazione editoriale della rivista, completamente rinnovata a partire dal numero di dicembre sotto la guida di Maddalena Fossati Dondero, direttore del magazine da settembre 2017.

“Dopo la testata, abbiamo voluto fare anche il restyling del sito perché è importante che la rivista, il web e i social media parlino tutti la stessa lingua anche se le tipologie di users sono diverse. La Cucina Italiana ha un’unica identità che si racconta adattandosi anche ai mezzi di espressione più innovativi mantenendo l’antico prestigio di sempre”, commenta Fossati Dondero.

LaCucinaItaliana.it infatti non è solo un sito di ricette. Le sezioni del sito danno una panoramica sempre più completa dell’importanza che il mangiare bene ricopre nelle giornate degli italiani: per questo il canale Storie è sempre più ricco di racconti di piccoli produttori, vere eccellenze del territorio.

La sezione Tutorial è completa di tutte le tecniche e gli strumenti per cucinare nel rispetto della tradizione ma anche di consigli e idee sempre nuove per arricchire la tavola di piatti mai provati.

E il canale News, il più letto di tutto il sito, raccoglie approfondimenti su tutte le tendenze e si è arricchito di contenuti legati al tema della salute, delle diete e del benessere. Il sito acquista un maggiore allineamento al magazine grazie ad una semplificazione cromatica e stilistica.

Il design leggero permette di valorizzare maggiormente l’impatto fotografico, grazie anche alle infinite gallery e ai nuovi infinite scroll, trattamenti visuali innovativi ma improntati sui valori di eccellenza Condé Nast.

“La Cucina Italiana con il nuovo sito esprime la sua natura più inclusiva, senza rinunciare alla sua legacy, anzi rafforzandola e facendone così la straordinaria casa de La Cucina Italiana di qualità, che il nostro brand da sempre garantisce, ora verso un’audience mai toccata prima in termini di quantità e qualità” così Marco Formento, direttore centrale Digital Condé Nast Italia. “Il raggiungimento di questo risultato è in parte dovuto alla nuova proposizione del prodotto che da qualche mese, in linea con il resto dei brand digitali Condé Nast, sta puntando sul mix vincente di display e progetti speciali. I nuovi format commerciali ‘social eating’, ‘una settimana con’ e ‘ricettario scattato’ sono coerenti con la proposizione del nuovo sito e molto apprezzati dai partner, grazie alla perfetta integrazione con il tessuto editoriale”, commenta Francesca Airoldi, direttore generale Sales&Mktg Condé Nast Italia.

Tramite un rapido link è inoltre possibile accedere al sito della Scuola, il centro di formazione interno alla sede Condé Nast in Piazzale Cadorna a Milano, che propone corsi durante tutta la giornata con una programmazione che risponde alle richieste di semplici appassionati, curiosi o esperti, e che nel 2017 è stato visitato da oltre 7 mila persone.

Tra loro, 4 mila hanno frequentato i corsi amatoriali e 3 mila hanno partecipato ai team building e agli eventi aziendali. Il sito ha infine chiuso il 2017 con un raddoppio del fatturato della raccolta pubblicitaria rispetto al 2016, dovuto anche alla crescita del 63% del parco clienti.