Il Sole 24 Ore, sottoscritte 47.336.172 azioni speciali

17 novembre 2017

Il Sole 24 Ore comunica che in data 16 novembre 2017 si è concluso il periodo di adesione all’offerta in opzione di n. 52.012.476 azioni speciali del Sole rivolta ai possessori di azioni ordinarie e speciali della società, rivenienti dall’aumento di capitale a pagamento e in forma inscindibile deliberato dall’Assemblea straordinaria del 28 giugno 2017.

Si ricorda che le azioni sono state offerte sulla base del rapporto di n. 4 azioni ogni n. 1 azione della Società posseduta, ad un prezzo pari a euro 0,961 per azione.

Durante il Periodo di Opzione, iniziato il 30 ottobre 2017 e conclusosi il 16 novembre 2017, estremi inclusi, sono state sottoscritte n. 47.336.172 azioni, pari al 91,01% delle azioni e per un controvalore complessivo pari a Euro 45.490.061,30, per effetto dell’esercizio di n. 11.834.043 diritti di opzione.

Si rende inoltre noto che, in adempimento agli impegni in precedenza assunti, Confindustria – Confederazione Generale dell’Industria Italiana ha esercitato n. 7.804.371 diritti di opzione alla stessa spettanti, corrispondenti a n. 31.217.484 Azioni, per una quota pari al 60,02% del totale delle azioni, per un controvalore complessivo di euro 30.000.002,12.

Al termine del Periodo di Opzione risultano, dunque, non esercitati n. 1.169.076 diritti di opzione riguardanti la sottoscrizione di n. 4.676.304 azioni, pari all’8,99% delle azioni, per un controvalore complessivo pari a euro 4.493.928,14.

I Diritti saranno offerti in Borsa dal Sole, ai sensi dell’art. 2441, terzo comma, del codice civile, per il tramite di Intermonte SIM S.p.A., nelle sedute del 21, 22, 23, 24 e 27 novembre 2017, salvo chiusura anticipata dell’offerta in caso di vendita integrale dei Diritti.

Nel corso della prima seduta sarà offerto l’intero quantitativo dei Diritti; nelle sedute successive alla prima saranno offerti i Diritti eventualmente non collocati nelle sedute precedenti.

I Diritti acquistati potranno essere utilizzati per la sottoscrizione, al prezzo di euro 0,961 per ciascuna azione, di n. 4 azioni ogni n. 1 diritto acquistato.

L’esercizio dei Diritti acquistati nell’ambito dell’Offerta in Borsa e conseguentemente la sottoscrizione delle Azioni dovranno essere effettuati, a pena di decadenza, entro e non oltre il giorno 28 novembre 2017, con pari valuta, presso gli intermediari autorizzati aderenti al sistema di gestione accentrata di Monte Titoli S.p.A., salvo il caso in cui l’Offerta in Borsa si chiuda anticipatamente, a seguito della vendita di tutti i Diritti offerti nelle sedute del 21 o del 22 novembre 2017.

Data di pagamento in caso di chiusura anticipata dell’Offerta in Borsa

Nel caso di chiusura anticipata dell’Offerta in Borsa, l’esercizio dei Diritti acquistati nell’ambito della predetta offerta dovrà essere effettuato anticipatamente, a pena di decadenza, entro e non oltre il terzo giorno di borsa aperta successivo a quello di comunicazione della chiusura anticipata e quindi:

 

  • entro e non oltre il 24 novembre 2017, con pari valuta, in caso di chiusura anticipata il 21 novembre 2017;

 

  • entro e non oltre il 27 novembre 2017, con pari valuta, in caso di chiusura anticipata il 22 novembre 2017.

 

Resta comunque inteso che qualora i Diritti offerti non siano integralmente venduti nelle prime due sedute di borsa sopra indicate, ossia nelle sedute del 21 novembre o 22 novembre 2017, il termine ultimo per la sottoscrizione delle azioni rimarrà il giorno 28 novembre 2017.

Le azioni rinvenienti dall’esercizio dei Diritti saranno accreditate sui conti degli intermediari autorizzati aderenti al sistema di gestione accentrata Monte Titoli S.p.A. al termine della giornata contabile dell’ultimo giorno di esercizio dei Diritti e saranno pertanto disponibili dal giorno di liquidazione successivo.

Si ricorda che l’offerta è assistita dalla garanzia di un consorzio composto da Banca IMI S.p.A. e Banca Akros S.p.A. che si sono impegnate a sottoscrivere ai termini del contratto di garanzia, disgiuntamente tra loro e senza vincolo di solidarietà, le azioni eventualmente rimaste inoptate al termine dell’Offerta in Borsa, per un ammontare massimo pari a circa euro 20 milioni.