Sizmek: Enrico Quaroni nominato Managing Director per l’Italia

7 novembre 2017

Enrico Quaroni

di Fiorella Cipolletta


Sizmek, dopo il completamento del processo di acquisizione di Rocket Fuel, avviato lo scorso luglio, ha nominato Enrico Quaroni, già Regional Director Southern Europe e MENA di Rocket Fuel, Managing Director per l’Italia.

Dal 1° novembre Quaroni guiderà la piattaforma buy-side indipendente che si pone come alternativa in un contesto di mercato dominato dai grandi player. In Italia, l’integrazione delle sue società ha dato vita in via Confalonieri a Milano a una nuova società sotto il cappello Sizmek che a oggi ha visto raddoppiare i professionisti: oltre alle 15 persone di Roket Fuel si sono aggiunte altre 15 figure di Sizmek.

“Con questa fusione Sizmek è in grado di offrire ad agenzie e brand un ventaglio di soluzioni di advertising ancora più ricco su scala globale – commenta il nuovo Managing Director -. La combinazione tra gli strumenti di ottimizzazione creativa e di data activation di Sizmek e la piattaforma di marketing predittivo di Rocket Fuel, che sfrutta sofisticate funzionalità di intelligenza artificiale, dà vita a una offerta buy-side completa, capace di ottimizzare le campagne e massimizzare il ROI dei piani media in tempo reale”.

Con questo accordo, agenzie e clienti potranno avere accesso a una soluzione ancora più integrata e full-funnel, in grado cioè di supportare tutti gli interlocutori coinvolti durante l’intero percorso del customer journey, e in grado di individuare gli obiettivi di performance più rilevanti per la massimizzazione dei piani media. Con l’acquisizione di Rocket Fuel, Sizmek si focalizza su dati, ottimizzazione creativa e attuazione costruttiva dei piani media per fornire al mercato advertising sempre più personalizzata e pertinente agli interessi dei consumatori.

“Stiamo vivendo l’alba di una nuova era – ha aggiunto Quaroni -. La tecnologia e l’innovazione offriranno nuove opportunità lavorative e arricchiranno il mondo media che richiede precisione e trasparenza. Oggi molti marketers cominciano a diffidare e a ridurre la propria dipendenza dai dati di terze parti. L’era del GDPR sarà presto realtà e i marketer devono iniziare a sfruttare i first party. Le informazioni che fanno la differenza nel mondo predictive non vengono da un set di dati acquistato, ma dalla capacità di cogliere i segnali generati dalla propria audience. Gli utenti sono sempre più smart e attenti ai propri dati, ma allo stesso tempo sono consapevoli del valore della comunicazione pubblicitaria, che deve essere trasparente e precisa. Sono convinto che la privacy sia un diritto fondamentale dell’uomo, ma anche che non dovrebbe richiedere l’interruzione del libero accesso a Internet che offre e, al contempo, si basa sulle informazioni”.

L’acquisizione di Rocket Fuel da parte di Sizmek ha portato all’unione di creatività omnicanale e capacità predittive basate sull’intelligenza artificiale, offrendo ai clienti una piattaforma self-service di predictive marketing in grado di ottimizzare le campagne in tempo reale e massimizzare il ROI. La fusione delle due aziende ha dato vita alla più grande piattaforma buy-side indipendente al mondo, caratterizzata da una capacità unica di raccogliere e analizzare tutti i dati relativi all’intero media plan per aiutare brand e marketer a creare pubblicità altamente personalizzate e raggiungere il giusto utente nel momento migliore.

“Riuscire a offrire esperienze di advertising coinvolgenti è essenziale per creare relazioni robuste e durature con i propri clienti. Grazie alle capacità di ottimizzazione creativa e di data-enablement di Sizmek unite alla piattaforma di predictive marketing basata sull’intelligenza artificiale di Rocket Fuel, i marketer avranno accesso a una soluzione buy-side completa che consente di ottimizzare i risultati delle campagne durante l’intero customer journey”, ha commentato Enrico Quaroni -.

 

Il nuovo sistema di decision making basato sull’AI consente ai clienti di trarre insight rilevanti relativi ai cinque pilastri fondamentali del predictive marketing:

  1. Campagne: dati sulla performance delle campagne (compresi impression, clic, tasso di visibilità, ecc) su tutti i canali digitali, per aiutare i marketer a capire quali attività funzionino e quali no.
  2. Consumatori: dati sui clienti (sia di prima che di terze parti) che possono essere centralizzati e attivati su ogni canale. In questo modo è possibile ottenere una profonda conoscenza della propria audience e creare messaggi che ispirino.
  3. Contesto: la tecnologia di classificazione contestuale offre informazioni sul contesto nel quale viene posizionato un annuncio. Ciò consente ai marketer di raggiungere gli utenti nel momento in cui affrontano temi rilevanti per il brand e sono più ricettivi verso il suo messaggio.
  4. Creatività: grazie all’ad server è possibile sapere nel dettaglio quali creatività funzionano e quali no, persino nello specifico dei colori più adatti per un determinato canale. Questo strumento aiuta a creare esperienze personalizzate coinvolgenti e raggiungere gli obiettivi di performance.
  5. Costi: è possibile ottenere informazioni dettagliate sui costi delle campagne e avere visibilità su frequenza, conversion, visibilità e frodi per gestire nel modo migliore la pubblicazione di pubblicità attraverso DSP e publisher diversi.

 

“Il nostro obiettivo è sempre stato e continuerà ad essere fornire ai nostri clienti le migliori soluzioni pubblicitarie e grazie all’acquisizione da parte di Sizmek continueremo ad offrire servizi sempre più innovativi e all’avanguardia”, ha concluso Enrico Quaroni.

 

Sizmek e Rocket Fuel insieme forniranno le proprie soluzioni a oltre 20.000 inserzionisti e 3.600 agenzie in oltre 70 Paesi del mondo. L’acquisizione permetterà inoltre a Sizmek di espandere la propria presenza globale, grazie all’integrazione delle divisioni vendite, ingegneria e supporto di Rocket Fuel presenti a livello internazionale.