Arriva ‘Co-Stories’ ed esplora le nuove frontiere del branded content

30 ottobre 2017

Marco Diotallevi

“Heinz che approva un’affissione pubblicitaria proposta da Donald Draper, Burger King che propone a McDonald’s di fare la pace, Obama che telefona a Frank Underwood: storie epiche frutto di una nuova generazione di marketers. Una nuova tendenza nel mondo del branded content e del social media marketing”.

Così recita la frase di lancio dell’ebook ‘Co-Stories’, disponibile gratuitamente solo su prenotazione fino al 1 novembre al sito co-stories.com. L’ebook è scritto da Marco Diotallevi, ceo & direttore creativo dell’agenzia Plural, premiata recentemente agli Adci Awards con un bronzo e un argento per ‘Complimenti Per La Connessione’. Ne abbiamo parlato con lui.

Marco, cos’è ‘Co-Stories’?

È un piccolo ebook, non sicuramente un manuale, che vuole suggerire un nuovo approccio nel mondo del branded content. Case di produzione, prodotti editoriali, personaggi pubblici e aziende: sui social sono tutti media/broadcaster. Nell’ebook suggeriamo come questa nuova opportunità possa trasformare quello che prima veniva chiamato co-marketing in qualcosa di più complesso. Più divertente. E assolutamente stimolante dal punto di vista creativo.

Chi dovrebbe leggerlo?

A me piacerebbe lo leggessero i più giovani nei reparti marketing delle aziende, quelli che saranno o sono tuttora gli editor-in-chief del brand. Ogni giorno approvano/pubblicano i post del brand sui social e sono abituati a cogliere le opportunità della contemporaneità. Noi con Plural stiamo facendo molta formazione all’interno di questi team e questo ebook vorremmo che fosse uno stimolo a guardare il branded content da un altro punto di vista.

Si parla tanto della trasformazione delle aziende in media house. Come pensi che debba strutturarsi il reparto marketing di un’azienda?

Mi piacerebbe fosse più diffusa la presenza di una competenza dedicata alla creazione di sponsorizzazioni durevoli nel tempo con influencer, prodotti editoriali o altre aziende.

L’appuntamento è quindi su co-stories.com, fino al 1 novembre.