Showroomprivé, i ricavi salgono a 134 milioni di euro (+28%) nel 3° trimestre

26 ottobre 2017

Thierry Petit e David Dayan

Nel terzo trimestre 2017 Showroomprivé ha registrato una crescita dei ricavi del 28%, raggiungendo i 134 milioni di euro. Aumentano anche il numero di ordini (+19,2%) e gli acquirenti (+16,1%).

L’ottima performance è stata guidata sia dalla Francia sia dai mercati internazionali. In particolare la completa integrazione di Saldi Privati sta rafforzando la posizione del Gruppo guidato da Thierry Petit e David Dayan, co-founder e co-ceo di Showroomprivé, al di fuori della Francia.

Nel periodo in esame, l’e-tailer ha raggiunto un totale di 1,4 milioni di buyer (+16,1% sull’analogo periodo), con vendite per cliente in aumento del 3%, numero di ordini in salita del 19,2%, media di ordini per buyer in aumento del 2,7% e dimensione media del carrello pressoché invariata.

Nel quarter in oggetto il marketplace francese ha portato avanti la sua trasformazione strategica, articolata su più fronti.

Fra gli asset, la partnership strategica con Steinhoff e la sua affiliata Conforama, che sta evolvendo rapidamente con l’opening di postazioni click & collect in 11 punti vendita Conforama, a cui si affiancano le prime operazioni commerciali in partnership.

Prosegue inoltre lo sviluppo all’estero, grazie anche all’integrazione dell’italiana Saldi Privati, che ha permesso di rafforzare la posizione del gruppo nel suo mercato più forte dopo la Francia.

In ottima forma anche il settore beauty e well-being, grazie al contributo di Beauteprivee, di cui Showroomprivé ha rilevato il 60% lo scorso marzo.

Visto lo scenario, la piattaforma rivede al rialzo le stime per l’anno fiscale, con la previsione di arrivare a un giro di affari di 690 milioni di euro (+28%) e un ebitda, escluso Saldi Privati, a circa 25 milioni di euro, con un margine del 4% circa.

Invariato l’obiettivo per il 2020, anno in cui la società punta ad arrivare a 1,1 miliardi di ricavi netti e a un ebitda margin a oltre il 7,7%.