Al via PKMF2017. Philip Kotler: “Il marketing deve essere sincero e costruire esperienze positive”

5 ottobre 2017

Philip Kotler

di Serena Poerio


“Sono molto onorato di essere qui a Milano e di condividere nei prossimi giorni le idee fondanti del lean marketing”.

Philip Kotler, professore e guru del marketing strategico, in occasione della presentazione del PKMF2017, di cui TVN Media Group è media partner, avvenuta al termine di un viaggio da Roma a Milano a bordo del Frecciarossa 1000 di Trenitalia, ha presentato alcuni presupposti del ‘nuovo marketing’.

L’iniziativa è nata dalla sinergia tra Philip Kotler Marketing Forum, l’evento organizzato da Nexo Corporation che si terrà domani e sabato a Milano, e di Ferrovie dello Stato Italiane.

“Con il new marketing ci imbarchiamo in un viaggio con il cliente in un percorso di consapevolezza, attrazione, interesse e acquisto del prodotto. Il marketing deve gestire i vari punti di contatto basandosi sulla costruzione di esperienze positive – ha spiegato il professore -. Un altro concetto fondamentale è la gestione dei contenuti; possiamo offrire prodotti di qualità, condividendo storie. Il digitale ci viene in aiuto e ci consente di scaldare la relazione. Oggi con i new media ogni azienda ha la possibilità di conoscere in modo molto approfondito i propri clienti e poter dialogare con essi”.

Proprio questo è il ponte tra il vecchio e il nuovo secondo Kotler: “Il marketing del passato si realizzava in una reclame, uno spot che passava in radio, tv e carta stampata. Il digitale offre la possibilità di sapere cosa il cliente desidera e cosa il nostro marchio può offrire”.

Il passaggio dal tradizionale al digitale è il tema del libro Marketing 4.0, successivo alla pubblicazione di Marketing 3.0 che “ci ha fatto rendere conto che dovremmo essere non solo nella mente ma nle cuore dei nostri clienti”.

Nel testo Kotler espone una metodologia per accompagnare i consumatori da una brand awareness a una brand advocacy, dettata dall’influenza delle opinioni dei nostri amici e familiari. Kotler nel descrivere il marketing contemporaneo, ritorna sul concetto di responsabilità etica, sociale e finanziaria che dovrebbe appartenere a ogni azienda.

“A volte – ha detto -, il marketing si dovrebbe vergognare di come in passato ha manipolato le persone proponendo loro sogni irrealizzabili. Il marketing dovrebbe riconoscere ciò che è sincero e autentico. La gestione finanziaria deve andare di pari passo con l’etica. Bisogna costruire un marchio di cui le persone si possono fidare, bisogna comunicare cose vere e realistiche”.

E proprio in relazione al rapporto tra autenticità e social media, ha dichiarato: “Il marketing deve credere fortemente non solo nel proprio prodotto, ma nella sua responsabilità. Si dovrebbe diffondere la figura del chief ethical marketing. Dobbiamo educare il pubblico a distinguere ciò di cui può fidarsi e innalzare il livello di alfabetizzazione finanziaria”.

“Con PKMF2017 ci confrontiamo con una serie di importanti aziende per comprendere come il marketing abbia dato valore aggiunto al business – ha affermato Marco Raspati Ceo di Nexo Corporation e Owner del PKMF -. La partnership con Ferrovie Italiane trova un’ulteriore legittimità nella scelta dei temi che caratterizzano questa edizione del Forum dedicata al lean marketing. La mobilità 4.0 rappresenta infatti uno dei settori economici di punta indagati nella giornata di sabato 7 ottobre attraverso una sessione specifica, che riporterà le esperienze e le strategie virtuose ed innovative che stanno cambiando lo scenario dei trasporti e Ferrovie dello Stato Italiane sarà uno dei protagonisti chiave di questa sessione”.

“Il Gruppo FS Italiane è costantemente impegnato nel creare valore per i propri clienti, attraverso l’uso efficiente delle risorse e un approccio trasparente e inclusivo verso il mercato. La partnership con Nexo Corporation e la partecipazione al PKFM rappresentano un’opportunità unica per approfondire temi di grande attualità quali, il lean marketing e la mobilità 4.0 entrambi permeanti la strategia di trasformazione digitale del Gruppo” ha sottolineato Danilo Gismondi Direttore Sistemi Informativi di Trenitalia.