Poligrafici Editoriale, fatturato adv nel 1° semestre a quota 26,5 milioni

27 luglio 2017

Andrea Riffeser Monti, vicepresidente e ad di Poligrafici Editoriale

Il consiglio di amministrazione della Poligrafici Editoriale si è riunito ieri per l’esame della Relazione Finanziaria semestrale del gruppo al 30 giugno 2017.

Nel settore editoriale, QN Quotidiano Nazionale, fascicolo sinergico di informazione e cronaca nazionale de il Resto del Carlino, La Nazione ed Il Giorno, ha raggiunto l’importante obiettivo di essere il primo quotidiano italiano per copie medie giornaliere vendute in edicola (fonte ADS maggio 2017) mentre si conferma, da alcuni anni, al terzo posto tra i giornali d’informazione più letti, con una media giornaliera di 1,9 milioni di lettori (fonte Audipress 2017/I).

Lo stesso QN Quotidiano Nazionale, grazie alla nuova grafica e a nuovi contenuti editoriali, è sempre più identificabile come un fascicolo sinergico pronto a conquistare nuovi lettori anche in aree diverse da quelle di diffusione storica, con l’obiettivo di sviluppare alleanze e collaborazioni con testate di editori terzi e permettere anche una maggior visibilità a tutti i clienti pubblicitari.

In tale ottica si colloca l’accordo raggiunto con il Gruppo Angelucci che prevede dal mese di aprile 2017 la distribuzione nella città di Roma del QN Quotidiano Nazionale in abbinamento con la testata Il Tempo.

Dall’8 luglio 2017 è stato rieditato, nella provincia di Livorno, il quotidiano Il Telegrafo con l’obiettivo di dare un nuovo futuro alla storica testata livornese.

La nuova edizione, che nei primi giorni ha riscontri positivi in edicola con incrementi di oltre il 40% rispetto alle vendite dell’edizione locale de La Nazione, ha la prima pagina e il dorso esterno tutto locale completata dai fascicoli interni sinergici QN e QS, rispettivamente di informazione nazionale e sportiva.

Relativamente alla raccolta pubblicitaria, dal 1° marzo 2017, la concessionaria del Gruppo SpeeD S.p.A. è subentrata alla concessionaria del Gruppo Rcs, dopo quasi 4 anni, nella raccolta della pubblicità nazionale con l’obiettivo di recuperare i rapporti commerciali con oltre 1.500 investitori pubblicitari.

L’andamento della raccolta nazionale risente, nel periodo in esame, di tale avvicendamento visto che, i mesi di gennaio e febbraio 2017, ancora in gestione alla concessionaria del Gruppo Rcs, hanno evidenziato una flessione del 23,9%, rispetto agli stessi mesi del 2016.

La SpeeD, superate le difficoltà iniziali, sta recuperando progressivamente tale fatturato fino a evidenziare, nel mese di giugno 2017, un incremento del 13% sul dato commerciale della ‘nazionale’ rispetto allo stesso mese del 2016. Nel periodo in esame i ricavi netti consolidati ammontano a 68,8 milioni rispetto ai 75,4 milioni dei primi sei mesi del 2016. I ricavi editoriali consolidati registrano una flessione del 6,7%.

Il fatturato pubblicitario complessivo del Gruppo, pari a € 26,5 milioni, riflette le difficoltà del mercato della raccolta sui quotidiani e mezzi gestiti. Relativamente alla raccolta della pubblicità nazionale sui quotidiani éditi da Poligrafici Editoriale S.p.A, la concessionaria SpeeD, dopo essere subentrata dal 1° marzo 2017 alla precedente gestione, sta superando le iniziali prevedibili difficoltà. I ricavi pubblicitari consolidati si riducono complessivamente del 4,7%.

La raccolta pubblicitaria sui quotidiani cartacei éditi dal Gruppo registra una contrazione del 5,6%, con un decremento del 9,6% per la pubblicità commerciale nazionale, mentre la raccolta locale, comprensiva della rubricata, finanziaria e di servizio, segna una flessione del 3,7%.

La raccolta pubblicitaria online, pari a 2,4 milioni, evidenzia una riduzione del 1,6% principalmente per effetto delle minori concessioni gestite (+12,8% a perimetro omogeneo).

Il margine operativo lordo consolidato è positivo per € 3,5 milioni rispetto a € 4,8 milioni dello stesso periodo del 2016 “riesposto”.

Il risultato economico del periodo del Gruppo Poligrafici Editoriale, al netto delle imposte, registra una perdita di € 2,1 milioni contro una perdita di € 0,4 milioni dei primi sei mesi del precedente esercizio.

L’indebitamento finanziario netto consolidato al 30 giugno 2017, pari a € 38,7 milioni, evidenzia un debito a breve termine verso le banche e altri finanziatori di € 10,4 milioni, un debito per leasing finanziari di € 11,2 milioni ed un debito per mutui di € 17,1 milioni.

Rispetto al 31 dicembre 2016 migliora di € 3 milioni.

Il management prosegue nelle politiche di valorizzazione dei brand sia nel settore tradizionale, con l’ampliamento delle aree di diffusione, che nel settore multimediale, anche attraverso innovazioni grafiche e miglioramento dei contenuti.

In quest’ottica, è stato raggiunto un preaccordo con gli azionisti di Nana Bianca S.r.l., società creata da Paolo Barberis, Alessandro Sordi e Jacopo Morello, già fondatori di Dada, di cui Poligrafici Editoriale è stata il primo investitore.

Poligrafici Editoriale entrerà in Nana Bianca con una quota del 4%, con l’intento di sviluppare ulteriormente progetti in ambito digitale, in particolare AdTech, MarTech e produzione di contributi editoriali innovativi.