La storia della Pubblicità in Italia in mostra con 200 opere

17 luglio 2017

Si terrà presso la Fondazione Magnani-Rocca di Mamiano di Traversetolo (PR) dal 9 settembre al 10 dicembre 2017 la mostra ‘La nascita della comunicazione moderna 1890-1957’.

È il 22 giugno 1890 e sulla Tribuna Illustrata appare il primo e più antico slogan italiano. Da questi primi passi della storia della pubblicità prende avvio la mostra, a cura di Dario Cimorelli e Stefano Roffi, che, attraverso duecento opere dalla fine dell’Ottocento all’era di Carosello, si pone l’obiettivo di raccontare la nascita in Italia della pubblicità dalle sue prime forme di comunicazione semplici e dirette, all’introduzione dell’illustrazione come strumento persuasivo e spiazzante per novità e per fantasia, al rapporto tra illustrazione e messaggio pubblicitario attraverso i diversi media, dal più conosciuto manifesto, alla locandina, alla targa di latta e poi al packaging della confezione, fino all’arrivo della radio come strumento di comunicazione di massa.

L’esposizione è suddivisa in 4 sezioni: i primi illustratori, il rapporto tra illustrazione e messaggio pubblicitario, tutti gli strumenti di promozione pubblicitaria che si sono sviluppati accanto al più conosciuto manifesto e i nuovi strumenti di comunicazione che si affacciano dal 1920 in poi (prima la radio e poi la televisione).

La mostra, fra gli altri contributi, si avvale della collaborazione con il prestito di un importante numero di bozzetti originali di Carboni, Nizzoli, Testa, Sepo del Centro Studi e Archivio della Comunicazione (CSAC) dell’Università di Parma, e di manifesti d’epoca del Museo nazionale Collezione Salce di Treviso, della Civica Raccolta delle Stampe ‘Achille Bertarelli’ del Comune di Milano, della Collezione Alessandro Bellenda – Galleria L’Imagine, Alassio – Savona.

Il catalogo dell’esposizione, edito da Silvana Editoriale, prevede i saggi di Dario Cimorelli, Nando Fasce, Elio Grazioli, Peppino Ortoleva, Stefano Roffi, Stefano Sbarbaro, Anna Villari oltre alla riproduzione di tutte le opere esposte.

La mostra è realizzata grazie a Fondazione Cariparma, Crédit Agricole Cariparma. Media partner sono Gazzetta di Parma e Kreativehouse.

Sponsor tecnici: Angeli Cornici, Fattorie Canossa, Società per la Mobilità e il Trasporto Pubblico.