‘Programmatic & Marketing Automation’ sotto la lente di IAB

3 luglio 2017

Michele Marzan

di Andrea Crocioni


“Come sempre l’obiettivo è stimolare, formare e ispirare, presentando alla platea i principali trend del comparto”: con queste parole Michele Marzan, Consigliere IAB Italia e Chief Strategy Officer di MainAd, lancia l’appuntamento di domani con IAB Seminar, questa volta dedicato a ‘Programmatic & Marketing Automation’.

Data strategy, quality & trasparency, marketing automation e nuove frontiere: queste le quattro macro-aree tematiche che verranno approdondite nel corso dell’appuntamento che si svolgerà al MiCo di Milano.

Il programmatic advertising si conferma come uno dei principali driver di crescita della pubblicità online: grazie a un sapiente utilizzo di dati, creatività e tecnologia, permette di massimizzare l’efficienza delle campagne coinvolgendo gli utenti giusti con messaggi rilevanti.

“Un Seminar IAB nasce da un’attenta valutazione degli argomenti che si vogliono affrontare – spiega Marzan -. L’associazione organizza quattro grandi eventi l’anno: lo IAB Forum e tre Seminar. Abbiamo affrontato temi come mobile, video, content strategy. Questo è il terzo incontro dedicato al programmatic e lo trattiamo con la consapevolezza di quanto le tecnologie siano un elemento caratterizzante di questo ambito. Quello che abbiamo messo a fuoco è un allargamento dell’orizzonte alla marketing automation”.

La marketing automation, in rapida evoluzione grazie al ruolo sempre più importante dei dati, aiuta le aziende a convertire i contatti in clienti e a gestire in modo efficiente la relazione con gli stessi e con i prospect.

“Siamo di fronte a una crescente integrazione fra attività di advertising e Crm. Sono sempre più numerose le iniziative multicanale che prevedono la gestione di relazioni con clienti e prospect, dove l’interazione passa agevolmente dal digitale al cartaceo e magari si completa con la telefonata di un call center”, racconta Michele Marzan.

Nel corso del seminario di domani si parlerà di data management, di un tema di grandissima attualità come la brand safety, ma anche di lead generation e native programmatic.

“Quanto al target – precisa Marzan – quest’anno ci siamo focalizzati su figure di medio alto livello delle aziende che investono in pubblicità. Proprio per loro abbiamo creato una sessione privata di formazione alle 8.45, che anticipa di un’ora l’apertura dell’evento, studiata appositamente per facilitare la formazione degli advertiser. Naturalmente al Seminar prenderanno parte anche le agenzie e gli operatori del settore. Ci attendiamo che anche questo appuntamento possa superare i 1.000 partecipanti”.

Nel corso della mattinata, come da tradizione, il settore sarà fotografato grazie ai dati di scenario confezionati con il supporto del Politecnico di Milano.

“L’agenda – ha proseguito il Consigliere IAB – è stata costruita cercando la giusta alchimia. La volontà è quella di fornire un quadro completo e far scaturire momenti di confronto su tematiche specifiche: ci sarà un focus su trasparenza e brand safety, saranno definiti i principali trend legati al programmatic ed è previsto un momento di approfondimento sulle data management platform. Anche il ruolo degli sponsor è stato ben definito. Saranno chiamati a portare le proprie esperienze, best practice e soluzioni, con un approccio educativo. Quanto all’ispirazione, abbiamo voluto inserire un momento capace di far pensare con Oliviero Toscani”.

Il popolare fotografo, insieme al collega Settimio Benedusi, parlerà della contrapposizione tra uomo e macchina, offrendo il suo particolare punto di vista su come questa dicotomia si realizzi nel dualismo creatività-programmazione.

Per conoscere il programma completo clicca qui.