Y&R, Saatchi & Saatchi, Publicis, McCann, Dude, We Are Social in corsa per i Leoni

20 giugno 2017

Un frame di ‘Worlds Apart’

È ufficiale, l’Italia lotterà per conquistare riconoscimenti anche in Creative Data, Direct e Mobile Lions con ben sei agenzie in corsa.

Ufficialmente sono 13 le entries italiane che hanno superato la prima selezione e si sono piazzate in shortlist nelle tre categorie, cui si aggiungono quelle ottenute da campagne ideate nel nostro Paese, ma iscritte dall’internazionale.

In Mobile a fare la parte del ‘leone’ il progetto ‘Chat yourself’, il chatbot ideato da Y&R Italia per aiutare i malati di Alzheimer nella prima fase della malattia e sviluppato per Italia Longeva, network dedicato alle tematiche dell’invecchiamento istituito da Ministero della Salute, Regione Marche e IRCCS INRCA. Il progetto italiano, dopo aver conquistato un bronzo ai Pharma Lions, ha ottenuto ben cinque shortlist (Social purpose, Messaging Campaign, Data/Insight, Apps as a Product/Service, Targeted Communication).

Sempre in Mobile ‘passano’ anche l’operazione ‘Speak like the Patròn’ di Netflix+Babbel, firmata da We Are Social Milano (categoria Social trends), e ‘My app voice’ ideato per Fondazione Nemo di McCann Worldgroup (Social purpose).

Il progetto ‘Chat yourself’ di Y&R sarà invece formalmente l’unico portabandiera italiano nei Creative Data Lions. Va detto però che in questa sezione ha ottenuto per quattro nomination la campagna Heineken ‘No more excuses’, iscritta da Publicis London, ma che ha visto da un punto di vista creativo l’impegno di Publicis Italy, hub globale per il brand.

Sono cinque, invece le shortlist, nei Direct Lions. Una per Heineken ‘Guardian fans’ di Publicis Italy, una per Groupama ‘Santino Safety System’ di Saatchi & Saatchi e ben due per Ubrew Responsibly The Beer’ di McCann Worldgroup (in campo per la produzione anche Think Cattleya).

In corsa anche la campagna di raccolta fondi ‘Bulambuli Valley’ ideata da Dude Milano.

A queste si aggiungono ancora una volta progetti iscritta da altri nazioni, ma con creatività italiana: una shortlist per ‘The Dream Cradle’ per Renault, iscritta da Publicis Conseil Paris, ma con creatività di Publicis Buenos Aires e Publicis Italy, e ancora, con due shortlist ‘No More Excuses’ di Heineken sempre di Publicis.

A queste si aggiunge la britannica, ma con idea dell’ufficio italiano del network, ‘Worlds Apart’ sempre per il brand di birra.