Tuttosport porta in edicola un modo ‘tutto nuovo’ di raccontare lo sport

8 giugno 2017

di Andrea Crocioni


Si è concluso il conto alla rovescia: oggi Tuttosport arriva in edicola completamente rinnovato.

Il quotidiano del Gruppo Amodei, che da più di 70 anni racconta l’amore degli italiani per lo sport, cambia il formato, passando al più comodo e accattivante berliner, e, dopo uno studio approfondito delle abitudini e degli interessi del lettore, si arricchisce di nuovi contenuti, nella logica di una sempre più evidente contaminazione fra mondo della carta stampata e digitale. Un cambiamento nella forma che si accompagna a uno stravolgimento della sostanza.

Come ci racconta il direttore Paolo De Paola: “Il quotidiano avrà una foliazione più ampia, con una media di circa 40 pagine, con un ritmo cadenzato dall’alternanza fra gli spazi di approfondimento e pagine contenitore”.

Il quotidiano sportivo si propone come un appuntamento imperdibile, un giornale moderno: un ‘compagno’ della vita quotidiana dei lettori competente e allo stesso tempo un momento di intrattenimento leggero e di qualità. Un posizionamento espresso a pieno dalla campagna di comunicazione firmata dall’agenzia Ninetynine.

“Calcio estero, calcio italiano, i fatti di ieri, le news di oggi. Juve, Toro, perché scegliere quando puoi avere tutto? Tutto nuovo, Tuttosport […]” recita lo spot televisivo pianificato sulle reti Mediaset, Sky e Rai.

La campagna continua on air su tutte le principali radio nazionali e le più forti emittenti locali ed è stata pianificata anche una fortissima presenza social e digital oltre a un’importante declinazione in esterna nelle principali città italiane.

Il Gruppo Amodei, dopo aver ‘rivoluzionato’ dal 1° giugno il Corriere dello Sport – Stadio, dunque, ha previsto un ‘esordio’ in grande stile anche per il nuovo Tuttosport.

Paolo De Paola

“L’obiettivo – spiega De Paola – è aumentare la frequenza di lettura di chi già ci segue, non proponendo loro un prodotto scontato nei contenuti, ma anche avvicinare i giovani attraverso una particolare attenzione allo storytelling e un ampliamento della proposta editoriale. Penso in particolare allo spazio che da oggi dedicheremo all’estero, ogni giorno avremo dalle sei alle otto pagine. Da un lato c’è una Juventus ormai stabilmente protagonista in Europa, dall’altro i ragazzi seguono con particolare interesse i principali campionati di calcio europei”.

Esplicita è la volontà di stringere un legame speciale con il proprio lettorato, favorendo un dialogo quotidiano con il pubblico. Da qui il ritorno della rubrica delle lettere, da tempo assente sulle pagine di Tuttosport, con una doppia casella di posta: una per i tifosi della Juve e una per quelli del Toro.

“La proporremo una o due volte a settimana – conferma De Paola -. Una lettera avrà una risposta dal direttore, le altre dalla redazione e qualche volta saranno gli stessi sportivi a rispondere”.

Ma Tuttosport non si limita a rilanciare il legame con il suo tradizionale bacino di appassionati, che gravitano intorno alle due squadre di Torino, ma vuole diventare sempre più seducente per una platea nazionale. “Quotidianamente ci sarà un primo piano dedicato al fatto sportivo del giorno, sarà un focus trattato in una logica di verticalità e al centro non ci sarà necessariamente il calcio”, afferma il direttore. Ma non finisce qui: il giornale strizza l’occhio anche alle tifoserie delle milanesi.

“Dedicheremo grandi approfondimenti a Milan e Inter, tradizionali avversarie della Juventus e, anche se non negli ultimi anni, protagoniste del campionato”, chiarisce De Paola.

Il quotidiano, come già anticipato, continuerà a ‘coccolare’  le tifoserie dei due team della città della Mole. Tuttosport manda in campo una vera squadra di 11 giornalisti che ogni giorno è pronta a raccontare tutto sul mondo Juve. Ma il giornale rappresenterà al meglio anche la sponda granata. Il giornale, infatti, è stato protagonista della rinascita del Filadelfia battendosi per la sua riedificazione e pertanto continuerà a stare in prima linea per sollecitare a rinverdire anche i successi sportivi del Torino.

Con il nuovo corso, Tuttosport si dimostra un quotidiano attento all’attualità, ma non insensibile al fascino del passato.

clicca sul frame per lo spot

“Riserveremo una grande attenzione alla rievocazione storica – spiega il direttore -. Il passato sarà una chiave per raccontare il presente. Lo faremo riproponendo i momenti importanti che hanno segnato il percorso delle due squadre per farli ‘rivivere’ a chi c’era e portarli all’attenzione delle nuove generazioni”.

Il Grande Torino che è nel dna di Tuttosport avrà una sezione completamente dedicata nella quale riproporre piccoli e grandi ricordi. Un appassionante narrazione è il tratto distintivo che caratterizzerà le inchieste del quotidiano, anche nelle escursioni fuori dal mondo del calcio.

“Ci concenteremo sui personaggi e sulle loro storie – sottolinea De Paola -. Ci sono ‘praterie’ nel mondo del basket, della pallavolo e dei motori”.

Tante le rubriche che impreziosiranno le pagine del giornale: “Almeno una volta alla settimana ci sarà spazio per lo sport al femminile e ai libri, ma anche al benessere legato allo sport. A chiudere il quotidiano, poi, ci sarà sempre una pagina proiettata fuori dall’ambito strettamente sportivo, una rubrica graffiante, dedicata all’attualità. Per l’esordio abbiamo scelto Vittorio Feltri, poi le firme ruoteranno”.

Un punto di forza saranno le iniziative speciali, con la proposta di collezionabili, in particolare legati al mondo bianconero e granata. Sarà sempre più importante il rapporto con il web.

“È un mezzo per far rimbalzare le notizie del giornale – afferma De Paola -. Sull’online, ogni sera, abbiamo la possibilità di lanciare gli argomenti che i lettori potranno trovare sul quotidiano in edicola il giorno dopo. Allo stesso tempo potremo approfondire il tema del giorno con delle dirette Facebook. Carta e digitale sono pensati in una logica di complementarietà”.