Groupama Assicurazioni torna on air con SantinoSafetySystem e Saatchi & Saatchi

29 maggio 2017

La campagna contro l’uso del cellulare alla guida, realizzata da Saatchi & Saatchi per Groupama Assicurazioni, è fresca di riconoscimenti, dopo il Bronzo nella categoria ‘Branded tech on line’ all’Eurobest. Ma non solo, la campagna è stata anche tra le 4 pubblicità web più virali in Italia nel mese in cui è stata lanciata.

Così, dopo il successo del primo flight, torna online SantinoSafetySystem. Dal 23 maggio a fine giugno, gli utenti di Facebook e YouTube potranno di nuovo vedere il video dell’operazione, per l’occasione riadattato in un nuovo taglio a 30”, e soprattutto avranno ancora la possibilità di richiedere il device SantinoSafetySystem.

Prendendo ispirazione dai vecchi santini da auto, la Compagnia ha ideato un innovativo device da tenere sul cruscotto dotato di tecnologia NFC che dialoga con il cellulare del guidatore attraverso un’App dedicata, in questo modo disabilita ogni notifica e risponde al suo posto mentre è al volante, evitandogli pericolose distrazioni.

Si tratta di un’iniziativa che parla in primo luogo ai giovani, in particolare alla fascia compresa tra i 18 e i 35 anni e per questa ragione il ‘core’ media è il web, attraverso un video che predilige il linguaggio ironico della rete.

L’idea di proseguire la comunicazione sul corretto uso dello smartphone, abbinandola ad una soluzione tecnologica, è la risposta concreta di Groupama Assicurazioni ad una problematica molto seria e di grande attualità: recenti statistiche confermano che le prime 4 cause di disattenzione mentre si è alla guida di un veicolo sono tutte connesse al mondo mobile (postare sui social, scrivere sms, leggere notifiche e telefonare) tanto da provocare il 75% degli incidenti registrati in Italia.

Direttore Creativo Esecutivo: Agostino Toscana. Direttori Creativi: Alessandro Orlandi, Manuel Musilli. Copywriter: Alice Scornajenghi. Art Director: Alessio Bianconi. Senior Digital Manager: Simone Roca. CDP: Twister Film. Regia: Daniele Brunelletti.