Rai Pubblicità rinnova l’offerta Cinema e registra +12% sul 2016

11 aprile 2017

L’ad Fabrizio Piscopo: “Aumento degli schermi da 425 nel 2016 a 557 nel 2017. Siamo l’unica concessionaria a offrire il cinema nei piani crossmediali”. Palinsesti pubblicitari brevi, di 8 minuti al massimo. Ieri a Milano la prima tappa di un tour con la ricerca di GFK sul profilo dello spettatore. La concessionaria chiude il primo trimestre a +0,2%

Ieri sera, al multisala Colosseo di Milano, Rai Pubblicità ha dato il via con la prima tappa a un tour che toccherà le principali città italiane nelle quali la concessionaria presenterà al mercato, clienti e centri media, la rinnovata offerta Cinema e la nuova ricerca effettuata da GFK sul profilo dello spettatore.
L’amministratore delegato Fabrizio Piscopo ha sottolineato i temi principali dell’offerta cinema di Rai Pubblicità. “Siamo passati da 425 schermi nel 2016 ai 557 nel 2017, sul totale di 2.159 schermi. Rispetto ai nostri competitor Movie Media e Uci The Space noi gestiamo il circuito di sale cittadine gestite da imprenditori italiani attenti al servizio: la nostra è una scelta di qualità. L’investimento pubblicitario nel 2016 è stato di 19,9 milioni di euro, ma nei primi mesi 2017 l’andamento commerciale è positivo con una crescita del 12% sul pari periodo dello scorso anno. Siamo l’unica concessionaria a offrire il cinema nei piani cross mediali”.
“Nel 2016 abbiamo sia rimesso a punto l’offerta commerciale sia rinnovato il circuito, ora possiamo contare su 22 milioni di spettatori – ha dichiarato il responsabile commerciale e marketing Cinema Massimiliano Langs -. L’obiettivo è che da spettatori diventino consumatori, dobbiamo cioè mettere le aziende nella condizione di presidiare questo target, che ha predisposizione a spendere. Puntiamo quindi su un palinsesto di programmazione pubblicitaria breve, di 8 minuti al massimo, privilegiando i formati lunghi, dai 60” in su, garantendo il massimo della visibilità. Sempre nell’ottica di essere integrati nell’offerta cross mediale di Rai Pubblicità anche da un punto di vista delle iniziative speciali, oltre che della programmazione. Lavoriamo sui target uomo e donna senza dispersioni, con il canale Gulp sul target famiglie e bambini, mentre sui Millennial aggiungiamo profondità all’offerta di Rai4 e del digitale – ha proseguito Langs -. Pensiamo di consolidare il risultato nel corso dell’anno considerando che la stagione primavera-estate potrà contare su top title di film italiani e stranieri”.
Tra le prossime uscite, da qui a fine agosto, Famiglia all’improvviso, Gold, Transformer 5, I pirati dei Caraibi 5, Spider-man: homecoming, Wonder Woman, Guardiani della Galassia, Cattivissimo me 3, Dunkirk. “L’audience è in crescita negli ultimi anni: il 2016 ha registrato +6% sul 2015, anno che aveva segnato un +15% sul 2014, mentre nel primo trimestre 2017 è stato messo a segno un +27% – ha proseguito Langs -. La ricerca elaborata da GFK ha rilevato che per il 65% l’esperienza del cinema stacca dalla quotidianità ed emoziona, mentre l’endorsement sulla pubblicità equivale al 50%. Una recente ricerca di Anica ha inoltre registrato che i giovani veicolano sul cinema il 50% della loro spesa annua per l’entertainment. Si tratta di un interessante profilo con un’alta propensione al consumo, elementi questi che arricchiscono la proposta Cinema all’interno dell’offerta crossmediale di Rai Pubblicità. L’obiettivo di questo tour è di ritornare a raccontare la nostra storia con rinnovata convinzione e con un progetto che ha grandi radici”, conclude il responsabile commerciale e marketing. Rai Pubblicità ha ufficializzato i dati del primo trimestre che chiude a +0,2% (con gennaio a +0,5%, febbraio a+4,5% e marzo a -5%). (V.Z.)