Rai, il Cda presenta il bilancio 2016: in crescita share e ricavi adv

1 aprile 2017

Antonio Campo Dall'Orto


In crescita i ricavi pubblicitari, dopo sei anni di raccolta in flessione, con un incremento superiore a quello medio di mercato grazie in particolare alla qualità dell’offerta e nonostante l’azzeramento della raccolta su Rai YoYo, Rai Storia e Rai5

Il Consiglio di amministrazione della Rai, riunitosi ieri sotto la presidenza di Monica Maggioni, ha proceduto a un primo esame dei principali indicatori economici e patrimoniali del 2016, illustrati dal direttore generale Antonio Campo Dall’Orto (nella foto). In particolare, l’esercizio 2016 prevede un risultato ampiamente positivo per effetto:

– dell’incremento dei proventi da canone grazie al nuovo meccanismo di riscossione avviato ad inizio 2016 che ha portato ad un significativo aumento del numero degli abbonati;
– dell’aumento dei ricavi pubblicitari;
– dell’efficientamento dei costi.

L’incremento delle risorse ha consentito di perseguire due obiettivi paralleli, ma di uguale importanza:

– il potenziamento dell’offerta e degli investimenti nel digitale, coerentemente al processo strategico di trasformazione in media company;
– il rafforzamento della struttura patrimoniale e finanziaria del Gruppo.

Nel corso dell’esercizio si è provveduto, inoltre, ad avviare un percorso di ricambio generazionale nelle redazioni anche grazie all’implementazione del piano di incentivi per gli esodi del personale giornalistico.

Anche l’andamento dei principali indicatori operativi è risultato particolarmente positivo:

– in crescita i ricavi pubblicitari, dopo sei anni di raccolta in flessione, con un incremento superiore a quello medio di mercato grazie in particolare alla qualità dell’offerta e nonostante l’azzeramento della raccolta su Rai YoYo, Rai Storia e Rai5;
– riduzione delle spese generali;
– leadership Rai nell’intera giornata, con il 36,69 di share e durante la fascia del prime time con il 38,58 di share, in aumento di 0,31 punti rispetto al 2015.
– performance particolarmente significative nel target 15-24, i cosiddetti millennials, con un +2,6% nell’intera giornata e +2,47% nel prime time, a conferma dell’efficacia dei cambiamenti della programmazione sia dei canali generalisti sia di quelli specializzati intervenuti nel corso del 2016;
– aumento della digital audience rispetto al precedente esercizio, con un incremento del 15,6%, (di 2,2 punti superiore rispetto al mercato) e un picco nel settore della mobile audience, (+30%), grazie al lancio della piattaforma Rai Play e alle App sviluppate per gli Europei di Calcio e le Olimpiadi. Questi dati hanno anche consentito una crescita a due cifre dei ricavi pubblicitari internet.

L’approvazione del bilancio 2016 è prevista nella prossima seduta del Consiglio di amministrazione.

Successivamente, in conformità con la procedura prevista dal Ministero per l’Economia e le Finanze, il Cda ha analizzato gli esiti dell’istruttoria di selezione per la composizione della lista delle candidature per il Cda di RaiWay.