Diversity Media Report: triplicate le notizie sul mondo LGBTI nel 2016

29 marzo 2017

Fabio Canino, Nico Colonna, Gino e Michele, Francesca Vecchioni

Le notizie su temi, eventi, persone LGBTI nel 2016 sono più che triplicate rispetto al 2015, quando già erano raddoppiate rispetto al decennio precedente.

È uno dei dati che emerge dal Diversity Media Report 2016 (DMR 2016), la ricerca presentata ieri a Milano sulla rappresentazione di storie e persone LGBTI nei media italiani condotta da Diversity, l’associazione presieduta da Francesca Vecchioni, con l’Osservatorio di Pavia e le principali Università Italiane.

Presentate inoltre dai direttori artistici Fabio Canino, Gino & Michele e Nico Colonna anche le nomination dei Diversity Media Awards 2017.

Il riconoscimento, promosso da Diversity per valorizzare e premiare contenuti e personaggi che nel 2016 si sono distinti per una rappresentazione rispettosa delle persone e delle storie LGBTI nei media, è giunto alla sua seconda edizione. In particolare, il DMR 2016 – Entertainment, raccoglie l’analisi della rappresentazione di temi e persone LGBTI in 226 prodotti cinematografici, televisivi, radiofonici e adv.

Il numero dei contenuti è in linea con la ricerca relativa al 2015. Sono però aumentati i programmi televisivi (25,4% dei prodotti presi in considerazione) che hanno raccontato storie di persone LGBTI.

Per il cinema, la ricerca rileva un discreto numero di pellicole, tra cui alcuni titoli con una grande distribuzione (L’estate addosso, Perfetti sconosciuti).

Resta, invece, limitato il numero di aziende che, nel corso del 2016, ha deciso di pubblicizzare con campagne adv i propri prodotti utilizzando un messaggio inclusivo. È stata invece ampia l’attività sui social network, dove molte aziende, piccole e grandi, locali, nazionali e internazionali hanno condiviso contenuti rainbow.

Sul fronte Informazione, su 48.581 notizie registrate nel corso del 2016, il 2,1 % (1.037) riguardano temi, eventi e persone LGBTI. La massima attenzione si è registrata a febbraio, in concomitanza all’iter parlamentare per l’approvazione della legge 76/2016 sulle unioni civili. Quanto ai Diversity Media Awards 2017, saranno consegnati il 29 maggio all’UniCredit Pavilion di Milano nel corso di una serata di gala alla presenza di personalità delle istituzioni, della cultura, dello spettacolo e della società civile.

È prevista la messa in onda su Real Time, grazie a Discovery, media partner per il secondo anno consecutivo. Le categorie sono: Miglior Film, Miglior Serie Italiana, Miglior Serie Straniera, Miglior Programma Tv, Miglior Programma Radio, Miglior Pubblicità, Influencer dell’Anno, Personaggio dell’Anno.

Dal primo aprile si apriranno le votazioni online sul sito diversitylab.it. Saranno, inoltre, attribuiti cinque riconoscimenti speciali: il premio Media Young, assegnato dalle ragazze e dai ragazzi delle scuole superiori che hanno partecipato all’analisi, e quattro premi ai protagonisti dell’informazione: Miglior TG, Miglior Programma di Informazione, Miglior Articolo di Informazione e Miglior Articolo di Costume.

Sempre più istituzioni, aziende e partner sostengono i Diversity Media Awards che, quest’anno, hanno ottenuto il patrocinio della Commissione Europea, dell’Ambasciata del Canada e del Comune di Milano, e il sostegno di American Express, Condé Nast, Diesel, Discovery Italia, Eataly e Google. I DMR e i DMA si avvalgono inoltre della collaborazione dell’Osservatorio di Pavia e di Focus Mgmt.

YAM112003 riconferma il suo supporto ai DMA con la produzione dell’evento e dello show televisivo.