Comedy Central lancia la nuova stagione di CCN con Ogilvy & Mather

29 marzo 2017

Sergio Del Prete

Il format rinnovato è stato esportato anche in Spagna, Sud Africa e Germania. Per il canale Viacom share in crescita del 30% anno su anno

di Claudia Cassino

Torna da stasera alle 22 su Comedy Central, il canale di VIMNI dedicato all’intrattenimento e alla comicità (Sky 124), la terza stagione di CCN-Comedy Central News.

L’appuntamento con la satira condotto da Saverio Raimondo riparte con un’edizione rinnovata nei contenuti e nel formato: CCN, infatti, non è più una striscia quotidiana di 10 minuti, ma un programma settimanale della durata di 25 minuti, realizzato in studio con un pubblico dal vivo e con servizi, nuove rubriche, ospiti e interviste. Un vero e proprio late night show satirico ispirato ai modelli americani come The Daily Show, The Last Week Tonight e Full Frontal.

“CCN è un format originale di Comedy Central Italia che è stato già esportato in Spagna, Sud Africa e prossimamente in Germania. Anche in UK stanno guardando al format con interesse”, spiega Sergio Del Prete, VP Editorial Content di Viacom Italia, soddisfatto dei numeri raggiunti dal canale.

La quota d’ascolto di Comedy Central è infatti cresciuta del 30% nell’ultimo anno (dati febbraio-marzo 2016 vs febbraio-marzo 2017), attestandosi su una share pay dello 0,4% con una media di ascoltatori superiore ai 10.000 telespettatori. Una perfomance che – come nel caso di Battistology, lo show con Maurizio Battista andato in onda da dicembre a febbraio – ha raggiunto picchi di ascolto medio di 100.000 spettatori.

 

 

“Abbiamo investito molto sulla nuova stagione di CCN, per la quale sono previste 15 puntate, e ci aspettiamo ovviamente di superare la media di rete – continua Del Prete -. Il programma vivrà quotidianamente anche sul digital e sui social, dove Saverio Raimondo commenterà a modo suo le notizie di attualità”.

Tema portante della nuova stagione di CCN è la post-verità, parola dell’anno secondo l’Oxford Dictionary.

“La morte della verità è anche l’idea alla base della campagna di lancio del programma ideata da Ogilvy & Mather – aggiunge Lorenzo Incantalupo, Senior Director Marketing di Viacom Italia -. È infatti un tema che ci ha permesso una serie di agganci con la cultura pop del momento e che ha consentito anche declinazioni su tutte le piattaforme: siamo partiti 5 settimane prima dell’inizio del programma con la comunicazione digital e social (incarico recentemente assegnato all’agenzia The Big Now, vedi notizia), per poi proseguire su tutti i media: stampa, radio, affissioni e ovviamente promo tv on air sia sui nostri canali sia su quelli della piattaforma Sky”.

La morte della verità è quindi il concept della satirica e irriverente campagna che prende ispirazione dal linguaggio funebre per far riflettere sulla diffusione di un nuovo e inarrestabile virus: la post verità. Roma e Milano, le principali testate nazionali e le emittenti radio (Radio Italia e Radio 24) si riempiranno di manifesti mortuari e di messaggi di cordoglio da parte degli amici della Verità, seguiti dall’invito di Saverio Raimondo a ricordarla e a parlare di ‘Tutta la verità, tutt’altro che la post verità’ su CCN, dal 29 marzo ogni mercoledì alle 22 in esclusiva su Comedy Central.

Il progetto si è avvalso della partecipazione dell’illustratore Matteo Civaschi, per i manifesti mortuari, e della cantante Lidia Schillaci che ha realizzato una cover del passaggio ‘la verità ti fa male, lo so’ del celebre brano di Caterina Caselli. Lo stacchetto musicale è utilizzato anche nei promo televisioni del programma. La campagna declinata su stampa, affissione e radio è on air a partire dal 25 marzo. Pianifica MEC.