A+E Networks Italy lancia il maschile Blaze, la ‘casa del factual entertainment’

22 marzo 2017

AX Men: duri come il segno

Obiettivo: 10 mila spettatori medi. Salvetti: “Dopo History e Crime+Investigation, il gruppo continua a puntare sull’Italia”

di Valeria Zonca

Come anticipato da Today Pubblicità Italia (vedi notizia) è fissato per oggi, precisamente per stasera alle ore 21.00, il lancio ufficiale di Blaze, il nuovo canale pay di A+E Networks Italy che si accenderà in alta definizione e in esclusiva al canale 119 della piattaforma Sky.

‘Irriverente, divertente, diretto’ sono le definizioni della general manager del gruppo Sherin Salvetti, ieri alla presentazione a Milano di quella che diventerà ‘la casa del factual’.

“Unico nel suo genere per innovazione, originalità e qualità, Blaze presenta il meglio della produzione di factual entertainment firmata da A+E Networks, all’avanguardia in questo settore. Oltre ad arricchire l’offerta di Sky, il nuovo canale costituisce un ulteriore rafforzamento di A+E Networks all’interno del panorama televisivo italiano, dove siamo già presenti con History (canale 407) e Crime+Investigation (canale 118). Il gruppo continua, quindi, a puntare sul nostro Paese”.

Blaze racconta le storie di un’America meno conosciuta e più estrema, di persone comuni impegnate in situazioni extra-ordinarie, dove non mancano humour ed eccentricità.

“Il nuovo canale ci ha conquistato da subito e rafforza la partnership con A+E Networks Italy, che con gli altri due brand, diversi per anima e temi di riferimento, ha fatto della qualità la propria cifra stilistica. La neonata rete ha il nastro azzurro perché parla prevalentemente agli uomini, con una spruzzata di rosa, e siamo certi che possa diventare in tempi brevi un luogo in cui gli spettatori trovino qualcosa di loro interesse attorno all’area 100 della piattaforma”, ha commentato Luca Revelli, Senior Director Partner Channels & Digital di Sky Italia.

Sherin Salvetti

“Il target di riferimento è quello di maschi adulti con età media 40 anni, ma non nascondiamo che con alcuni programmi miriamo a un pubblico più giovane. Altre proposte sono invece indirizzate al coviewing di tutta la famiglia – ha precisato la manager -. Dai primi incontri con i centri media abbiamo capito che l’accoglienza del mercato per questa novità è alta: è piaciuto il concetto di un genere che si è guadagnato i primi posti del gradimento del pubblico. Ci motiva anche il fatto che il canale, lanciato nell’autunno 2016 in UK, stia ottenendo ottimi risultati”.

Sono molti i mondi contenuti sul canale: dai mestieri pericolosi (con le serie di punta AX Men: duri come il segno, hit negli Usa, su un gruppo di boscaioli, Per un pugno di ginseng, Billy lo sterminatore, Uomini ad alta tensione) al transactional (Affare fatto… col baratto, Affari al buio: che colpo Barry!), dai motori (Il garage più pazzo del mondo, Alaska: sterrare è umano) all’action (Dog: cacciatore di taglie, il reality sul famoso cacciatore di taglie d’America Dwayne ‘Dog’ Chapman, Nightwatch: quelli della notte, su un pronto intervento a New Orleans, TIR Ritroverò, Parking Wars) e al food e al lifestyle (il docu-reality Wahlburgers: panini di famiglia, con le star americane Mark e Donnie Wahlberg, Grasso che cola, Cambio pancia disperatamente).

La raccolta è affidata, come per History e C+I, a Sky Media.

“La nostra aspettativa è di attirare 10 mila spettatori medi – ha dichiarato Simone D’Amelio Bonelli, marketing director del broadcaster -. Le due macroaree di provenienza degli investitori di Blaze sono automotive e food. Stiamo studiando un’offerta pubblicitaria ad hoc su alcuni eventi come Alone, la competizione di sopravvivenza in ambiente ostile autoripresa dai concorrenti, che sarà in palinsesto da fine maggio a fine agosto, mentre pensiamo di approdare su AdSmart entro fine 2017”.

Il lancio del canale è stato sostenuto da una campagna di pubblicità, sviluppata con creatività interna, che racconta i vari volti dell’offerta di contenuti con il pay off ‘Il tasto che ti manca. 119’.

“Abbiamo iniziato il 10 marzo con due promo spot sui canali Sky e da domani partirà il terzo soggetto – ha proseguito D’Amelio Bonelli -. La pianificazione che proseguirà fino al 12 aprile prevede la comunicazione su radio, ooh con dinamica e due maxi affissioni a Milano e a Roma, stampa quotidiana oggi e domani, stampa trade, digital. Un ruolo importante sarà rivestito dai social”. Per il momento non ci sono progetti del network per lanciare in Italia un canale in chiaro, mentre una delle idee nel cassetto è quella delle autoproduzioni in linea con il posizionamento.

“Il 2017 si è aperto con raccolta e audience in linea con il mercato, ma è ancora presto per capire come andrà l’intero anno. Sugli altri due brand sono in arrivo alcuni programmi di punta tra cui, su History, ’93 L’anno del giudizio, in concomitanza con la fiction 1993 su Sky, e, su C+I, Online-Connessioni pericolose, nuovo format in quattro puntate di un’ora ciascuna che investiga sul mondo dei crimini informatici”, conclude Salvetti.