Eletto Prodotto dell’Anno 2017: l’innovazione diventa premium

17 marzo 2017

Simonetta Flores

Intervista a Simonetta Flores, Amministratore Unico di Marketing Innovazione Italia 

di Andrea Crocioni

Anche per la dodicesima edizione di Eletto Prodotto dell’Anno si è confermato il trend di crescita delle iscrizioni? Quali sono le categorie più rappresentate?

Siamo di fronte a un’edizione da record con 50 categorie e altrettanti Prodotti Eletti. E’ particolarmente significativo l’ingresso di 28 nuove aziende. Il Food resta il comparto più rappresentato, con il 48% del totale. Segue il Personal Care che arriva al 21%. Il Non Food tocca il 17%: si va dalle pile alle finestre. L’Elettronica si attesta all’8%, mentre la Parafarmaceutica è al 3%. La grande novità è rappresentata dall’ingresso dei Servizi, che hanno toccato il 3% e hanno visto l’affermazione di un’App per il pagamento. Un segno evidente di come le aziende del settore stiano cercando di avvicinarsi ai consumatori attraverso dei prodotti.

Ci sono delle particolari tendenze che sono emerse? Come si sono mosse le aziende per essere innovative?

Le aziende stanno rivalutando le materie prime e le rielaborano in prodotti che vanno incontro alle esigenze dei clienti. L’idea è di creare referenze top di gamma che rispondano ad aspettative crescenti: una sensibilità particolare verso il rispetto per l’ambiente e la riduzione degli sprechi. Questo porta alla nascita di prodotti premium per i quali il 71% dei consumatori è disposto a pagare di più. Un dato in crescita del 5% sull’anno precedente. Fra le altre tendenze emerse ci sono la ricerca di benessere, prodotti che facciano ‘star bene con gusto’ e la tecnologia che aiuti a stare in forma.

Quali ‘bisogni’ dei consumatori sono risultati prioritari nelle valutazioni?

Cresce l’interesse sul biologico, salutistico e funzionale: nel complesso è centrale il tema della naturalità (+7%). Da un paio d’anni c’è un incremento del valore dato al ‘Made in Italy’ (+3%), soprattutto da parte dei più giovani che lo chiedono per un 14%. I consumatori cercano sempre di più i superfood e gli snack salutistici. Sono meno sentite le innovazioni legate alla praticità delle confezioni e ai nuovi formati. Conta più il contenuto del pack. Un 14% da una referenza si aspetta che sia Eletto Prodotto nell’Anno. Questo è indice del fatto che le persone si fidano del voto degli altri consumatori.

Quali sono i driver che condizionano le abitudini di consumo?

La ‘Qualità al giusto Prezzo’ è ancora il primo driver, ma ha perso l’8% quest’anno (il 13% se si guarda al 2014). I consumatori sempre di più si orientano sulla qualità. Il secondo driver è ‘Qualcosa di davvero nuovo’ che tocca il 38%. Il terzo driver nella scelta di un prodotto è ‘Che mi semplifichi la vita’, arriva al 29%. Tocca il 27% il ‘Rispetto per l’Ambiente, mentre si attestano al 26% ‘Naturalità’ e ‘Made in Italy’.

Fra i consumatori quali sono i profili più sensibili all’innovazione di prodotto?

La ricerca di innovazione è ormai trasversale. L’86% dei consumatori è propenso a sperimentare nuovi prodotti. C’è stato un fortissimo incremento dei ‘Fanatici e Favorevoli’ che toccano il 55%. Nel 2009 rappresentavano solo il 25%. Questo è un riconoscimento dello sforzo che le aziende hanno fatto per andare incontro alle esigenze del consumatore. In parallelo sono cambiate tanto le modalità con cui le persone si informano prima di un acquisto, anche se in generale il ‘consiglio’ resta lo strumento più efficace. Le donne sono leggermente più sensibili all’innovazione rispetto agli uomini (52 vs.48). I Millennials in questa speciale classifica sono un +11% sopra la media, mentre i meno attenti alle novità sono i baby boomers.


Vince il prodotto, convince il consumatore: Eletti 50 Prodotti dell’Anno

Sono più di 12 mila i consumatori che hanno eletto i Prodotti dell’Anno attraverso la più importante ricerca di mercato sull’innovazione in Italia. La serata di premiazione, che ha coinvolto più di 500 personalità del mondo dell’industria, della distribuzione, nonché della stampa e della comunicazione, si è tenuta ieri all’Alcatraz di Milano. Nel corso dell’appuntamento – patrocinato dalla Rappresentanza a Milano della Commissione Europea, GS1 Italy, Upa, Iab, IAA, Unicom e Assocom e che ha visto TVN Media Group fra i media partner – sono stati ufficializzati i 50 Prodotti Eletti del 2017.

L’indagine online- condotta da IRI, istituto indipendente e leader mondiale nella gestione di informazioni di mercato, analisi e insight – si basa su un panel rappresentativo della popolazione italiana di età compresa tra i 15 e i 65 anni. Il consumatore, tramite un questionario online, ha valutato i prodotti divisi in categorie merceologiche. Per ogni categoria, è stato eletto il prodotto che tra i competitor ha ottenuto la media aritmetica più alta tra innovazione e soddisfazione.

Il consumatore oggi è sottoposto a molteplici e ripetuti stimoli. In questo contesto, dove il tempo medio di permanenza davanti allo scaffale è salito a 15 -20 secondi, le caratteristiche di visibilità e distintività del prodotto diventano centrali per la finalizzazione dell’acquisto. Il consumatore, temendo di non riuscire ad effettuare la scelta giusta, cerca rassicurazione. Il Logo di Prodotto dell’Anno diventa oggi un punto di riferimento: l’86% dei consumatori conosce Eletto Prodotto dell’Anno e il 71% è più propenso ad acquistare un prodotto che espone il Logo.

I prodotti eletti potranno usufruire dei dati emersi nella ricerca, ma soprattutto utilizzare per un anno il Logo Eletto Prodotto dell’Anno 2017 in comunicazione a 360 gradi, compresi i social media, sempre più impiegati in modo strategico e dinamico. Partecipare a Prodotto dell’Anno è una decisione strategica: la fiducia dei consumatori rispetto ai prodotti eletti è dell’84%. Lo dicono i consumatori: una pubblicità che reca il Logo di Prodotto dell’Anno è molto più credibile (79% contro 46%) di una pubblicità in generale.

Dalla ricerca emerge inoltre come il search e la sharing opinion per i prodotti innovativi siano stabilmente entrati nelle abitudini dei consumatori italiani: a più di 8 consumatori su 10 piace cercare in Internet le informazioni sui nuovi prodotti e seguono i consigli di amici e parenti: il passaparola positivo, che è proprio uno dei valori alla base del Premio Eletto Prodotto dell’Anno, si conferma quindi essenziale per il successo di un prodotto innovativo (dato in incremento +2pt rispetto al 2015).

Il Logo diventa così fondamentale per attirare l’attenzione verso la vera innovazione di prodotto che risalta grazie al marchio inconfondibile rosso e bianco di Eletto Prodotto dell’Anno. Gli italiani stanno modificando le proprie abitudini alimentari; si registra una significativa crescita di interesse per il biologico, il salutistico e la naturalità degli ingredienti in genere, inoltre continua a svilupparsi sempre di più una logica di acquisto di prodotti freschi e con alto contenuto di servizio. E’ in atto un forte cambiamento nutrizionale: sono sempre più i consumatori che si orientano al ‘senza’.

Il benessere è il nuovo dogma degli italiani: movimento fisico, alimentazione e tecnologia per stare bene e sentirsi in forma. Questo è evidente anche tra le categorie merceologiche dell’edizione 2017 del Premio a cui hanno partecipato prodotti innovativi come superfoods, snack salutistici, piatti pronti freschi vegetariani, spremute 100% frutta, prodotti a base di aloe, prodotti senza olio di palma, biologici, detergenti ecologici, integratori ecc. La consapevolezza e la sensibilità ambientale inducono le famiglie a prestare maggiore attenzione alle quantità cercando di ridurre gli sprechi. Ben il 71% dei consumatori dichiara di essere disposto a pagare un premium price se il prodotto soddisfa pienamente le proprie esigenze (+5% rispetto all’anno scorso).

 Per l’elenco completo dei Prodotti Eletti clicca qui