Psa acquista Opel per 1,3 miliardi di euro: nasce il secondo gruppo europeo dell’automotive

7 marzo 2017

Il gruppo automobilistico francese PSA (marchi Peugeot, Citroën e DS) ieri ha ufficializzato di aver firmato l’accordo con General Motors per l’acquisto della tedesca Opel per 1,3 miliardi di euro.

La chiusura dell’operazione è prevista a fine anno, dopo le procedure di approvazione delle varie autorità Antitrust. Secondo quanto riportato da una nota del gruppo francese, con l’aggiunta di Opel/Vauxhall – che nel 2016 ha generato ricavi per 17,7 miliardi di euro – Psa diventerà la seconda casa automobilistica europea (dopo Volkswagen), con una quota di mercato del 17%, con una crescita della capacità di produzione annuale da tre milioni di veicoli a oltre quattro milioni. L’acquisizione delle attività finanziarie europee di Gm, segnala ancora il comunicato, avverrà attraverso una nuova joint venture paritetica creata con BNP Paribas, per 900 milioni di euro.

Psa punta a un ritorno agli utili di Opel/Vauxhall nei prossimi tre anni, con un “margine operativo del 2% entro il 2020 e del 6% entro il 2026”.

“Siamo fiduciosi nella significativa accelerazione del risanamento di Opel/Vauxhall con il nostro sostegno, nel rispetto degli impegni assunti da Gm verso i dipendenti”, dice in una nota il numero uno di Psa, Carlos Tavares, tornando a fornire tutte le garanzie ai lavoratori di Germania e Gran Bretagna.

Le due aziende sono strutturate e questo accordo potrebbe in futuro influenzare le scelte relative alla comunicazione, ma non prima di un anno. La creatività del brand tedesco è curata da Scholz & Friends, mentre Peugeot e Citroën sono sviluppati da Havas Worldwide con due team distinti e DS da Publicis La Maison. Per quanto riguarda il media, GM (ex casa madre di Opel) è gestito da Carat, mentre il gruppo industriale francese ha indetto una gara internazionale per la ricerca di un partner a cui affidare l’incarico del planning e del buying.

Nel nostro paese il budget è gestito da Omnicom Media Group (Phd ha lasciato il testimone a Omd dopo l’acquisizione del budget di Volkswagen Group), network che dovrebbe essere stato invitato, insieme a uno stretto numero di sigle, tra cui Havas Media Group, che già gestisce il cliente in Francia, Germania, Benelux e Spagna, e da una sigla di GroupM. Il Gruppo PSA è il terzo top spender pubblicitario in Italia del settore automobilistico dopo VW e FCA, con una spesa che si aggira sui 60 milioni di euro. (V.Z.)