Margot Robbie ambasciatrice dei veicoli elettrici Nissan

22 febbraio 2017

Monte Carlo, mezzanotte, un’atmosfera elettrica e Margot Robbie che si prepara a una sfida all’ultima curva sull’iconico circuito del Principato di Monaco.

Una scena del prossimo film dell’attrice? Non proprio: si tratta del video che presenta la star di The Wolf of Wall Street e Suicide Squad come nuovo volto delle auto elettriche Nissan.

Una gara mozzafiato che ha come protagonista Margot Robbie a bordo della futuristica Nissan BladeGlider a tre posti: la star di Hollywood ha testato di persona la vettura sportiva 100% elettrica – che può raggiungere 100 km/h in meno di 5 secondi – sfidando un’auto gemella lungo le strade della località monegasca fino alla famosa Place du Casino, set dei film Ocean’s Eleven e Casino Royale, nonché sede del Gran Premio fin dagli anni Venti. Un’esperienza di guida che ha portato l’attrice australiana a cimentarsi in una delle più famose curve della Formula 1, la Fairmont Hairpin, affrontando il percorso con crescente velocità, adrenalina e divertimento puro.

Tutti elementi che si ritrovano nell’auto a elevate prestazioni, unica nel suo genere, realizzata da Nissan per dimostrare che la mobilità 100% elettrica è anche sinonimo di piacere di guidare e offrire un’anteprima delle vetture sportive elettriche del futuro.

Il video rappresenta una delle iniziative di #ElectrifyTheWorld, una campagna lanciata da Nissan, leader mondiale nel segmento dei veicoli elettrici, per sensibilizzare il pubblico sui temi della sostenibilità e delle emissioni zero: la casa automobilistica produce infatti il veicolo elettrico più venduto al mondo, Nissan LEAF. BladeGlider rientra nella filosofia della ‘Mobilità Intelligente’ di Nissan, per auto più connesse con il mondo circostante.

Monte Carlo è stata la cornice perfetta per lanciare la collaborazione tra Nissan e Margot Robbie a bordo dell’auto sportiva 100% elettrica: forte della sua atmosfera glam, dell’iconicità del suo circuito e di un ambizioso programma di sostenibilità, il Principato di Monaco punta a ridurre le emissioni di anidride carbonica del 50% entro il 2030.