QVC Italia, crescita a due cifre del fatturato grazie alla multimedialità

26 gennaio 2017

Paolo Penati

La piattaforma multimediale di shopping ha premiato ieri i due vincitori del contest ‘La ricerca nel quotidiano’ in collaborazione con Fondazione Umberto Veronesi, Casta Diva Pictures e Zooppa 

di Valeria Zonca

Sono stati premiati ieri allo Spazio Oberdan di Milano i due corti  vincitori del concorso ‘La ricerca nel quotidiano’ ideato da QVC Italia, la piattaforma multimediale di shopping, in collaborazione con Fondazione Umberto Veronesi e il progetto Pink is Good a sostegno della ricerca scientifica e della prevenzione del tumore al seno, Casta Diva Pictures, società di comunicazione che opera nella realizzazione di branded content e Zooppa, la community creativa dedicata ai contenuti user-generated.

Un’iniziativa che per QVC si inserisce “nelle attività di CSR – ha specificato a margine della presentazione l’ad Paolo Penati -. Siamo vicini al mondo delle donne e all’interno dei programmi del canale sono previsti dei minutaggi dedicati a tematiche di tipo sociale. L’idea del concorso viene dalla voglia di uscire dal seminato: dopo il mondo dell’arte nella prima edizione, per la seconda abbiamo approcciato il mondo del cinema. Da un lato abbiamo l’opportunità di dare la giusta visibilità a tanti autori e videomaker, dall’altro possiamo aiutare concretamente la Fondazione Umberto Veronesi, con la quale continueremo a lavorare”.

Sui 57 contributi ricevuti, il primo premio (internship di un mese presso la sede di Casta Diva Pictures di Cape Town in Sud Africa e una borsa di studio di 5 mila euro) è stato assegnato a ‘Il nostro piccolo segreto’ di Franco Montanaro, che racconta il rapporto tra una figlia e una madre affetta da Alzheimer. Il secondo premio (internship di un mese presso Casta Diva Pictures Milano e un budget di 15 mila euro per la produzione di un corto su una ricercatrice della Fondazione Umberto Veronesi) è stato assegnato ad Afro De Falco per il corto ‘Maria’, storia di una maternità a lungo desiderata.

“Il mio criterio di giudizio si è basato sulla capacità degli autori di farmi dimenticare il meccanismo produttivo, grazie al racconto delle emozioni”, ha commentato Fabio Nesi, partner/executive producer di Casta Diva Pictures Milano.

“Oltre ai 57 partecipanti c’è stato un grande interesse con 16 mila visualizzazioni della pagina del brief”, ha dichiarato Giuseppe Azzaro, community manager di Zooppa.

I due vincitori e altri corti interessanti saranno messi in onda a partire da fine febbraio su QVC Italia sul canale 32 del digitale terrestre durante il programma La notte più corta, nuovo format di 10 puntate condotto da Roberta Nanni con la partecipazione di Dominic Holdaway, docente all’Università di Bologna. Un’iniziativa che, sicuramente, aiuta a sdoganare il termine ‘televendita’ dei migliori brand di gioielleria, moda, bellezza, casa ed elettronica .

“QVC è una piattaforma di shopping con canale tv (tasti 32 del dtt e 475 di Sky), sito internet con palinsesto in simulcast, canale e-commerce, profili social e App per Android e iOs – ha proseguito Penati -. In tv finiscono solo i prodotti che noi abbiamo effettivamente acquistato grazie al lavoro di una trentina di buyer e il punto di forza della vendita è lo storytelling che viene fatto sui prodotti in vendita per raccontare da dove viene l’idea, le caratteristiche del prodotto e i trend. Alla base c’è la capacità di dialogare con il pubblico integrando varie piattaforme digitali”.

Approdato in Italia 6 anni fa, e dopo aver raggiunto il break even lo scorso anno, il canale che si rivolge al target femminile (35-65 anni) prosegue con buoni risultati.

“Siamo tuttora in una fase di crescita a doppia cifra sulle vendite e di conseguenza sugli ascolti – ha dichiarato l’ad -. Con un fatturato globale di 10 miliardi di dollari, nel 2015 il risultato italiano è stato di 107 milioni di euro, cresciuto poi in doppia cifra nel 2016. L’obiettivo 2017 è di continuare a crescere. La Germania, dove QVC è presente da 20 anni, raggiunge 900 milioni di euro di fatturato, UK 750 milioni: significa che nel nostro Paese c’è margine di crescita grazie all’integrazione dei tool”.

Per quanto riguarda una campagna adv in partenza, l’ad ha dichiarato che “il piano è in via di definizione. La strategia di gruppo è l’utilizzo del passa parola che oggi con i social è più rapido ed esponenziale. Siamo molto attivi sui social con 2,5 milioni di fan nel mondo. L’Italia si conferma uno dei Paesi dove c’è maggiore interazione: a dicembre abbiamo lanciato Facebook Live con 5 show realizzati e due sulla chat di Fb”, ha concluso Penati.