TV8 sorpassa il traguardo del 2% di share e inaugura ‘Il Testimone’

20 gennaio 2017

Pif e Antonella D'Errico

Da oggi al via la nuova edizione di inchieste ‘impossibili’ di Pif: delle otto puntate, sei sono inedite mentre due, su Las Vegas e Miami, sono già state trasmesse su Sky

di Fiorella Cipolletta

Nato nel febbraio 2016 TV8 (vedi notizia) il canale sotto la guida di Antonella D’Errico, direttore anche di Cielo, continua a crescere e a registrare ottime performance.

“TV8 va molto bene, abbiamo sorpassato il traguardo del 2% di share sul target commerciale 15-54, per la precisione siamo al 2,07% – sottolinea D’Errico alla nostra testata durante la presentazione della nuova edizione de Il Testimone -, mentre nel prime time il dato è del 2,4% di share sul target commerciale 15-54. Un ottimo risultato considerato che come da piano industriale ci siamo dati come obiettivo di raggiungere il 3% di share entro i prossimi anni. Grazie alla qualità di Sky e alla scelta editoriale siamo l’ottavo canale generalista. Una strategia attiva e non reattiva (a breve sul competitor Nove, canale free di Discovery,  sbarcherà Crozza, ndr) che ha come obiettivo quello di rendere il nostro canale una rete generalista popolare 2.0. Scegliamo una programmazione molto aperta e molto pop e, al tempo stesso, nuova”.

Ad arricchire il palinsesto del canale 8 del digitale terrestre arriva la nuova edizione de Il Testimone. Telecamera alla mano Pierfrancesco Diliberto, in arte Pif, arriva su TV8.

Il programma nato nel 2007 su Mtv sbarca su TV8, canale in chiaro del gruppo Sky, dove a partire da oggi andrà in onda ogni venerdì alle 23.15 per dieci settimane, con sei puntate inedite registrate questo inverno e quattro repliche delle puntate americane,  due, su Las Vegas e due su Miami, già trasmesse su Sky.

“Il Testimone è un brand consolidato – continua il direttore del canale -. Le inchieste ‘impossibili’ di Pif sono perfette per il nostro progetto, perché lui stesso è pop. Il Testimone è un contenuto dal linguaggio nuovo che sposa la nostra linea editoriale. Volevamo dare continuità a questo brand e soddisfare un grande pubblico che lo segue”.

Nel palinsesto pop di TV8 torna a fine febbraio anche la macchina di Italia’s Got Talent condotto da Lodovica Comello e i quattro giudici Claudio Bisio, Nina Zilli, Frank Matano e Luciana Littizzetto.

Soddisfazione anche per Cielo, canale a target prevalentemente maschile “che ha subito un assestamento sull’1,1% di share nonostante il Moto Gp sia passato a TV8 – continua D’Errico -. Il canale  grazie a un palinsesto incentrato su film action, cult e inchieste sulla sessualità attrae principalmente un target maschile decisamente acculturato, un pubblico unconventional, molto verticale, che riesce comunque nel day time a coinvolgere un pubblico femminile grazie a programmi come i Consigli di Paola Marella”.

Il viaggio de Il Testimone terrà compagnia ai telespettatori per 10 settimane. Ad aprire la nuova stagione de Il Testimone l’incontro con Roberto Bolle, nel quale la goffaggine del conduttore farà a pugni con l’eleganza e la leggiadria del ballerino più celebre del pianeta. Spazio poi a viaggi straordinari con due puntate speciali dedicate al Buthan, una terra lontana e misteriosa dove Pif andrà alla ricerca del segreto della felicità.

“Utilizzare dei mezzi poveri spesso stimola la creatività – dichiara Pif -. Se hai qualcosa da raccontare basta anche una piccola videocamera per realizzare un buon programma”.

La narrazione delle inchieste ‘impossibili’ di Pif è il frutto di spontaneità e veridicità. “Certo, perché il 95% è vero. Se non fosse così sarebbe televisione. Con 16 ore di girato facciamo una puntata di 45 minuti. Sia le riprese sia il montato sono molto aggressivi. Dopo l’uscita del film nel 2013 c’è stata la svolta per me ed è arrivata la popolarità. Questo fa bene all’ego ma non al lavoro, che diventa più complesso. La popolarità è insomma un po’ ingombrante. Dovrò andare sempre più fuori dove sono il signor nessuno, anche se poi questa popolarità ti porta a fare puntate con Roberto Bolle”.

Decisamente meno filosofico invece l’incontro ravvicinato di Pif  con maniacali collezionisti italiani e stranieri che da anni raccolgono oggetti di varia natura (dalle mutande al whisky d’annata) per scoprire come una passione possa trasformarsi in una vera ossessione. Per gli amanti del pallone da non perdere l’episodio in cui Pif esplora il mondo degli arbitri: dai campetti degli esordienti fino alla Serie A, cercando di scoprire cosa si prova a dover decidere le sorti di una partita di calcio.  Il viaggio si fa virtuale con l’esplorazione dei profili delle star di Instagram, in un originale confronto con gli ultimi eroi dei fotoromanzi di oggi.